La medicina negli ultimi decenni sta facendo passi da gigante per la cura di numerose patologie che un tempo sembravano lasciare ben poche speranze. Nuovi farmaci, nuovi trattamenti sperimentali all’avanguardia e operazioni chirurgiche sempre più risolutive sono all’ordine del giorno e le speranze di sopravvivenza e guarigione di chi si ammala sono sempre migliori. Ma purtroppo esistono patologie con incidenze anche molto elevate che ancora oggi sono prive di cure risolutive e chi ne soffre si trova con ben poche armi nel cassetto per ritrovare stabilità e benessere. Sono un ottimo esempio le forme di artrite e reumatismi che affliggono tantissime persone, obbligate a cambiare stile di vita e a imparare a convivere giornalmente con il dolore cronico.

In questo articolo parleremo di come l’assunzione di CBD ad alte concentrazioni sia di grande aiuto a chi soffre di condizioni croniche e debilitanti causate da artrite e reumatismi.

Cosa sono i reumatismi e l’artrite

Quando parliamo di reumatismi parliamo di un insieme vario di sintomatologie che interessano il sistema articolare affetto da dolorabilità, indolenzimenti, ridotta capacità funzionale. La reazione infiammatoria reumatica può essere accompagnata da arrossamento localizzato, raccolta di liquidi nelle articolazioni colpite, calore e gonfiore. Questo tipo di patologia può avere insorgenza acuta e poi (se non viene identificata e curata con successo la causa scatenante) può avere un andamento cronico e degenerativo. I reumatismi coinvolgono l’articolazione in toto, comprendendo ossa, muscoli, legamenti, tendini, borse e parti molli. Si tratta di processi infiammatori di vario tipo che possono essere di origine metabolica (ad esempio ne soffrono molti diabetici), traumatica, oncologica, infettiva, idiopatica o autoimmune. A seconda della causa scatenante i reumatismi possono presentarsi solamente in determinate articolazioni o migrare in tutto il corpo, possono migliorare o peggiorare con alte o basse temperature, possono essere simmetrici (colpendo sempre le articolazioni in modo speculare) o asimmetrici.

L’artrite è una tra le più comuni forme reumatiche. Ne esistono numerosi tipi (o forme), quelle più note e diffuse sono l’osteoartrite (o artrosi) e l’artrite reumatoide, ma tantissime altre tipologie peculiari e molto invalidanti sono sempre più comuni anche all’interno della popolazione più giovane (come ad esempio il lupus, la fibromialgia e l’artrite settica). In tutte le sue forme, il sintomo più comune di un’artrite è il dolore ed esistono pochi tipi di farmaci efficaci di contrastare questa condizione cronica senza pesanti ripercussioni sull’organismo.

Antidolorifici e antinfiammatori nella patologia cronica

Molti pazienti che soffrono di forme reumatiche di tipo acuto o cronico vengono prontamente indirizzate dai medici verso l’utilizzo di antinfiammatori e antidolorifici, che molto spesso riescono a tenere a bada il dolore e dare sollievo al corpo per qualche ora. Se la forma acuta si risolve in poco tempo può essere una mossa consigliata ma se (come nella maggior parte dei casi di forme reumatiche) la patologia perdura per più di 30 giorni, gli effetti collaterali di questi farmaci si fanno sentire. L’abuso di antinfiammatori non steroidei (FANS) può portare all’insorgenza anche rapida di insufficienza epatica, renale, cardiaca, ulcere ed emorragie intestinali. Per non parlare poi del comunissimo reflusso gastro esofageo. Se poi parliamo degli antidolorifici derivanti dagli oppiacei il rischio è ancora maggiore e i casi di dipendenza anche in seguito a consumo di breve periodo sono altissimi e hanno conseguenze spesso anche mortali.

Curare reumatismi e artrite con il CBD

La Cannabis è da tempo nota come valido aiuto per trattare le forme reumatiche. Nella medicina cinese come in quella occidentale gli estratti di cannabis erano un tempo tenuti in gran conto per lenire i dolori e curare le infiammazioni articolari. Oggi un velo di proibizionismo ha eclissato parzialmente la validità di questi prodotti naturali in campo medico, ma recentemente molte nuove ricerche stanno proponendo una riabilitazione farmaceutica della cannabis parlando di risultati strabilianti e applicazioni molto varie. In particolare contro forme reumatiche e artriti viene messo in campo l’altissimo potere antinfiammatori della molecola di CBD. Il cannabidiolo (appunto CBD) è un cannabinoide non psicoattivo che sta incontrando grande favore in tutto il mondo scientifico grazie all’ampio spettro delle sue applicazioni terapeutiche.

Secondo le ultime ricerche la somministrazione di questo tipo di cannabinoide sembrerebbe avere importanti effetti positivi nel trattamento dei dolori cronici e delle infiammazioni in generale. Addirittura esistono numerosi studi che parlano non solo di un’azione di sollievo dal dolore ma anche di una vera e propria possibilità di rallentare decorso peggiorativo dell’artrite.

Un innovativo farmaco chiamato Sativex a base di cannabis e dall’elevato contenuto di CBD è stato recentemente approvato anche in Italia per il trattamento degli effetti degenerativi di tipo spastico di malattie gravi quali la Sclerosi Multipla e si sta velocemente imponendo come uno tra i migliori trattamenti per tante altre malattie che includono tra i sintomi la rigidità e l’infiammazione muscolare cronica e degenerativa. Questo farmaco dalle grandi potenzialità è distribuito con il contagocce e solo in caso di estrema inefficacia di ogni altro farmaco a disposizione, un po’ per il solito pregiudizio nei confronti della cannabis e un po’ perché il Sativex contiene anche alti dosaggi di THC, l’altro cannabinoide presente nelle infiorescenze di canapa che ha effetto (diversamente dal CBD) di tipo psicoattivo sul cervello.

Come assumere il CBD se si soffre di artrite e reumatismi

Oggi, grazie alla cannabis light e agli oli concentrati è possibile assumere il CBD e ottenere il benefico effetto antinfiammatorio della canapa anche senza gli effetti psicotropi del THC.

I prodotti edibili a base di estratto di CBD (come olio concentrato o capsule in gel) insieme al consumo di cannabis light ad alto contenuto di CBD possono davvero essere una soluzione efficace e priva di effetti collaterali per lenire il dolore cronico infiammatorio generato da queste patologie. Inoltre è anche possibile applicare balsami, unguenti e pomate ad uso topico nelle zone interessate per avere un effetto calmierante decisamente valido.

I prodotti a concentrazione più elevata di cbd sono l’olio di CBD e le capsule in gel che possono avere varie concentrazioni (fino al 20%). Questi prodotti hanno effetto cumulativo, vanno quindi presi inizialmente a dosi più alte per poi scalare fino ad una dose minore di mantenimento (il dosaggio dipende dalla concentrazione e dalle esigenze personali). L’olio verrà somministrato in gocce sublinguali mentre le capsule possono essere masticate o deglutite a seconda della tipologia.

Ovviamente questo tipo di somministrazioni non deve essere considerato una manna dal cielo capace di guarire completamente chi è affetto da gravi patologie degenerative e oramai cronicizzate. Ma l’aumentare degli studi scientifici pro-CBD e il rimando positivo di tantissimi consumatori affezionati parlano di un miglioramento evidente dello stile di vita di chi decide di utilizzare il CBD contro reumatismi e artrite. Questi promettenti risultati stanno spingendo la ricerca scientifica ad interessarsi sempre di più allo studio del CBD contro le infiammazioni, tuttavia siamo ancora lontani da un riconoscimento di tipo ufficiale del valore inestimabile di questa molecola, che ha (aimè) il solo difetto di essere un derivato della tanto osteggiata cannabis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello

Back to Top