Carrello
cannabis vs long covid

Cannabis VS Long Covid: via agli studi

Alcuni studi effettuati di recente hanno portato alla luce l’efficacia della cannabis e dei suoi componenti nel combattere i sintomi del Covid-19, grazie agli effetti antinfiammatori di CBD, THC e anche CBC. A partire da queste ricerche, nel 2022 dovrebbero iniziare due nuovi studi scientifici, con lo scopo di indagare meglio sulla possibilità di trattare i sintomi del long Covid.

Scopriamo meglio di cosa si tratta!

Cos’è il long Covid?

Gli esperti considerano il Covid-19 una patologia sistemica, ossia che può colpire diversi organi del corpo e non solo i polmoni, come invece si credeva inizialmente.

Il long Covid è il termine utilizzato per definire un insieme di disturbi e complicazioni che alcune persone hanno manifestato dopo aver contratto la malattia e dopo essere guariti. Normalmente le persone che riscontrano questa conseguenza hanno un decorso della patologia breve con dei sintomi abbastanza intensi. Tuttavia, dopo il miglioramento del quadro clinico, i pazienti presentano delle complicazioni e degli strascichi che possono durare anche settimane o mesi.

Secondo una ricerca della ong Fair Health, su due milioni di cittadini americani infettati dal virus, il 23% ha riscontrato alcune conseguenze un mese dopo la positività. Gli esperti concordano sul fatto che alcune di queste siano dovute al persistere di un’eccessiva risposta immunitaria. Questa, infatti, causa un disequilibrio nella produzione di alcune proteine del sistema di difesa del nostro corpo.

Cbd e Covid-19: l’ultimo studio 

Cannabis VS long Covid: lo studio in Brasile

Il primo nuovo studio verrà realizzato dall’Instituto do Coracao (Incor), in Brasile. Verrà testato sui pazienti l’utilizzo di uno dei principi attivi della cannabis, il cannabidiolo, conosciuto meglio come Cbd, per il trattamento del long Covid. Il dottor Edimar Bocchi, direttore del Nucleo Insufficienza cardiaca e dispositivi meccanici per l’insufficienza cardiaca di InCor, sarà alla guida dello studio clinico in doppio cieco. Per un periodo di tre mesi, 290 pazienti prenderanno o un placebo o l’estratto di CBD.

“L’obiettivo dello studio è testare l’ipotesi che il cannabidiolo possa migliorare la qualità della vita dei pazienti con sindrome Covid a lungo termine rispetto a un placebo di 100 mg due volte al giorno”, ha sottolineato Bocchi. “Inoltre, valutare l’effetto del cannabidiolo sul miglioramento di specifici sintomi o segni di malattia conseguenti alla COVID-19 a tre mesi di trattamento rispetto al placebo”.

A seguito dei dati epidemiologici, gli studiosi affermano che la sindrome del Long Covid sarà il prossimo disastro di salute pubblica. L’età media di questi pazienti è di circa 40 anni.

Ad Aprile i primi risultati

Entro aprile 2022, i ricercatori si aspettano di avere i primi riscontri. I risultati saranno poi presentati all’ANVISA per un esame. L’agenzia brasiliana per la salute pubblica potrebbe chiedere ulteriori studi prima di convalidare i risultati del trial di fase 3. Se ANVISA approverà l’efficacia dello studio, l’agenzia richiederà quasi certamente uno studio clinico di fase 4 che coinvolgerà 1.000 pazienti.

Cannabis VS long Covid: lo studio inglese

Il secondo studio, per il quale non è ancora partito il reclutamento, utilizzerà il Medicabilis, una formulazione ad ampio spettro con alti livelli di CBD, per trattare i sintomi comuni associati al long COVID. Questi includono affaticamento, dispnea, dolore e disturbi del sonno. Sarà effettuato da Drug Science e guidato dalla ricercatrice Elizabeth Iveson.

I ricercatori affermano che: “Le prove suggeriscono che è possibile che il CBD possa essere un trattamento efficace per le persone con diagnosi di long Covid. Condurremo quindi uno studio di fattibilità in cui a 30 persone verrà prescritta la cannabis medica dominante CBD. I pazienti prenderanno questo farmaco quotidianamente per cinque mesi. Raccoglieremo mensilmente valutazioni auto-riferite di sintomi comuni tra cui dispnea, affaticamento, umore, cognizione e dolore e dati in tempo reale su frequenza cardiaca, attività fisica e sonno usando tecnologia indossabile.”

Gli esperti proseguono spiegando che “Raccoglieremo anche valutazioni quotidiane auto-riferite dei sintomi chiave (umore, dolore, affaticamento e dispnea) tramite un’applicazione per smartphone. Il nostro studio stabilirà se è fattibile reclutare e mantenere i pazienti con una diagnosi di long Covid in un trial di CBD. Controlleremo anche se ci sono effetti collaterali per valutare la sicurezza e la tollerabilità della cannabis medicinale. I nostri risultati determineranno la fattibilità della cannabis medicinale nel trattamento del long Covid e se è sicura da usare”.

Conclusioni

Sono passati più di due anni ormai da quando il Covid-19 è entrato prepotentemente nelle vite di tutti noi. Due anni difficili, fatti di sofferenza, rinunce, difficoltà, dolore, rassegnazione. Ma se davvero esiste la possibilità che la cannabis possa aiutarci a combattere questa terribile pandemia, ci auguriamo che venga fatto tutto il necessario perché ciò avvenga.

La salute delle persone deve essere la priorità assoluta.