cbd effetti

CBD effetti: tutto ciò che devi sapere

Condividi l'articolo!

CBD effetti

Il cannabidiolo, noto come CBD, rappresenta uno dei due principali cannabinoidi rilevanti presenti nella cannabis. Un numero crescente di studi scientifici sta dimostrando l’efficacia del CBD in diversi contesti. Questa crescente evidenza ha portato un numero sempre maggiore di individui a esplorare il mondo del cannabidiolo, estratto dalla pianta di Cannabis.

Le ricerche hanno indicato che il cannabidiolo agisce in diverse circostanze, poiché è in grado di interagire con il sistema endocannabinoide, contribuendo al ripristino dell’equilibrio generale. Il CBD è noto per le sue molteplici proprietà, tra cui quelle di agire come un efficace antiossidante, antinfiammatorio, analgesico, anticonvulsivante e antidepressivo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lo riconosce come una molecola ben tollerata e generalmente sicura. È fondamentale sottolineare che il cannabidiolo non produce effetti psicotropi né crea dipendenza. Tuttavia, è importante notare che potrebbe causare effetti collaterali minimi.

In questo articolo, esploreremo i vantaggi del CBD e le possibili controindicazioni.

Il CBD: definizione e ruolo

Le piante di cannabis hanno la capacità di generare oltre 400 composti diversi. Tra questi 400 composti, solo 60 sono stati identificati come cannabinoidi da esperti. Il CBD (o cannabidiolo) è uno di questi 60 cannabinoidi. La sua importanza risiede nel fatto che, a differenza del suo “fratello” THC, il CBD non produce effetti psicoattivi.

Recentemente, il CBD è diventato un argomento di grande interesse, entrando anche nell’ambito medico. Questo composto naturale presenta proprietà uniche che lo rendono utile per molteplici scopi. È un elemento naturale che può contribuire a ridurre il dolore e lo stress, poiché influisce sul rilascio dei recettori del Sistema Nervoso Centrale (SNC), favorendo il rilassamento corporeo.

È importante sottolineare che il CBD non è dannoso per il corpo e non rappresenta una sostanza pericolosa. Tuttavia, durante l’interazione con il sistema endocannabinoide, il CBD può manifestare reattività e influenzare le persone in modi diversi.

Il CBD e il sistema endocannabinoide

Negli ultimi anni, numerosi ricercatori hanno focalizzato i loro studi sugli effetti del CBD sul metabolismo umano. Uno degli aspetti più intriganti del cannabidiolo riguarda la sua interazione con il nostro sistema endocannabinoide.

Attualmente, sono noti due recettori cannabinoidi, denominati CB1 e CB2, scoperti rispettivamente nel 1990 e nel 1993. Questi recettori sono presenti in diverse parti del corpo umano, tra cui il cervello, il fegato e i reni.

Nel 2018, è stato pubblicato uno studio intitolato “Cannabinoid Receptors and the Endocannabinoid System: Signaling and Function in the Central Nervous System”, che rappresenta una raccolta di risultati delle ricerche condotte fino a quel momento sulla relazione tra i principi attivi della cannabis e il sistema endocannabinoide umano. Gli studiosi hanno confermato che i cannabinoidi influenzano in modo significativo i due recettori, aprendo prospettive terapeutiche in numerosi campi medici.

Nonostante ciò, i meccanismi d’azione esatti del CBD non sono ancora completamente chiari. Finora, si sa che i recettori cannabinoidi CB1 e CB2 partecipano a diversi processi fisiopatologici, tra cui la regolazione del dolore, il sistema cardiovascolare, il tratto gastrointestinale e le funzioni del fegato.

Inoltre, il sistema endocannabinoide regola il bilancio energetico e il metabolismo. Esso include anche enzimi metabolici e svolge un ruolo nella captazione di nutrienti e nell’accumulo di energia. Due cannabinoidi, l’anandamide e il 2-AG 2-arachidonoilglicerolo, agiscono sui recettori CB1 e CB2. Stimolandoli con il CBD, si contribuisce all’assorbimento del cibo e delle sue sostanze nutritive.

Guida all’assunzione sicura del CBD

Come accennato precedentemente, negli ultimi anni il CBD ha guadagnato popolarità grazie ai suoi benefici nel trattamento dei sintomi di varie patologie e problemi di salute. Dopo numerose ricerche e approfonditi studi, gli esperti hanno confermato che il cannabidiolo, se assunto per via orale e in modo appropriato, è considerato sicuro per gli adulti. Le dosi di CBD fino a 300 mg al giorno (un dosaggio piuttosto elevato) sono state testate e confermate come adatte per un utilizzo fino a 6 mesi.

Normalmente, il CBD non causa effetti collaterali significativi. Tuttavia, presenta alcune controindicazioni. Questi sono effetti collaterali di lieve entità, molto meno gravi rispetto a quelli associati alla maggior parte dei farmaci. Tuttavia, è importante conoscerli prima di decidere se utilizzare questo integratore.

CBD effetti: come trarre il massimo beneficio

Per ridurre la possibilità di sperimentare effetti collaterali e massimizzare i benefici del CBD, è consigliabile prestare attenzione a diversi fattori che possono influire sulle controindicazioni:

  • Acquistare prodotti al CBD di alta qualità: Con l’aumento della popolarità del cannabidiolo, il mercato è cresciuto rapidamente. Tuttavia, è essenziale fare attenzione all’azienda e ai prodotti offerti;
  • Scegliere prodotti al CBD testati da laboratori indipendenti: Le aziende affidabili forniscono ai clienti la certezza di test di laboratorio per ogni prodotto al CBD. È consigliabile quindi acquistare solo prodotti sottoposti a test indipendenti prima della vendita. Questo garantisce un prodotto di alta qualità e privo di contaminanti;
  • Iniziare l’assunzione di CBD gradualmente: Il cannabidiolo può avere effetti diversi a seconda del consumatore. Soprattutto per chi è alle prime esperienze, è importante iniziare con dosi minime per permettere al corpo di adattarsi, quindi aumentare gradualmente la dose e la frequenza fino a trovare la quantità ideale;
  • Ricercare ingredienti naturali: Non tutte le piante di cannabis vengono coltivate in modo sicuro e responsabile. I pesticidi possono contaminare il prodotto finale, causando possibili effetti dannosi. È quindi importante informarsi sulla coltivazione e scegliere prodotti derivanti da coltivazioni naturali e con livelli di THC entro i limiti consentiti.

Effetti positivi del CBD

Negli ultimi anni, numerose ricerche scientifiche hanno confermato i benefici del cannabidiolo (CBD) nel trattamento di diversi disturbi e patologie. Le sue proprietà principali sono:

  • Effetto antiepilettico e antispasmodico: gli studiosi hanno scoperto che il CBD è in grado di contrastare le convulsioni, offrendo un supporto efficace nelle terapie per l’epilessia, anche infantile, soprattutto in quei pazienti che non traggono beneficio dall’assunzione dei classici farmaci anti-epilettici;
  • Effetto ansiolitico e antipsicotico: è confermato che il cannabidiolo agisce in maniera efficace in caso di disturbi ossessivi compulsivi o disturbi post traumatici. Alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato che il CBD, avendo effetti antipsicotici, potrebbe agire in maniera simile ad altri farmaci antipsicotici, andando a migliorare i sintomi della schizofrenia. Inoltre, è in grado di combattere l’insonnia e gli stati depressivi;
  • Effetto analgesico: il CBD può ridurre velocemente il senso di nausea, stimolare l’appetito e alleviare i dolori. Avendo un effetto rilassante e sedativo, può ridurre le infiammazioni e le tensioni, alleviando i sintomi dolorosi associati a diverse patologie. Inoltre, il cannabidiolo aiuta a contrastare l’asma e a mantenere sotto controllo il diabete e la glicemia;
  • Effetto antinfiammatorio e antiossidante: grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, il CBD è risultato essere un valido aiuto nella cura di patologie della pelle come acne e psoriasi. Inoltre, essendo un antiossidante, combatte i radicali liberi, svolgendo un’azione anti-age e proteggendo il cervello dalle malattie neurodegenerative. Diversi studi, infatti, hanno dimostrato che il CBD è in grado di inibire la formazione delle “placche” tipiche del morbo di Alzheimer, riducendo la morte delle cellule cerebrali;
  • Effetti sulla sfera sessuale: il CBD può contribuire a alleviare problemi come la disfunzione erettile e migliorare l’esperienza sessuale. Tra gli effetti benefici del vi sono la riduzione dello stress e dell’ansia, il miglioramento dell’equilibrio ormonale e l’aumento della libido. Alcuni studi suggeriscono miglioramenti nell’esperienza sessuale con l’uso di CBD, inclusa una maggiore sensibilità al tatto e un potenziale sollievo dal dolore durante i rapporti sessuali, contribuendo a una vita sessuale più soddisfacente. Leggi il nostro articolo completo CBD Effetti Sessuali.

Controindicazioni ed effetti collaterali del CBD

Anche se è un prodotto naturale, il CBD ha alcune controindicazioni che è importante conoscere prima di iniziare l’assunzione. Tra gli effetti collaterali possibili troviamo:

Bocca secca

Secondo uno studio pubblicato nel 2006, il sistema endocannabinoide contiene i recettori CB1 e CB2 presenti nelle ghiandole salivari e coinvolti nella produzione di saliva. Quando i recettori endocannabinoidi si attivano, la produzione di saliva diminuisce, causando la secchezza della bocca. Pertanto, è consigliabile mantenere una buona idratazione per evitare questo fastidio.

Sensazione di vertigine

Sebbene siano eventi piuttosto rari, alcune persone lamentano attacchi di vertigini dopo l’assunzione di CBD. Molti di questi casi sono aneddotici, ma diversi studi segnalano le vertigini come effetto collaterale dopo l’uso concomitante di CBD e THC. Tuttavia, non è ancora noto quale dei due cannabinoidi sia responsabile di tali effetti. La comunità scientifica ha ancora molto da imparare sugli effetti del CBD. Alcuni scienziati ipotizzano che le vertigini possano essere causate da cambiamenti nella segnalazione delle cellule cerebrali e dall’attivazione del sistema nervoso autonomo, che altera il flusso sanguigno cerebrale. Per questo motivo, si raccomanda sempre di iniziare con dosi limitate di CBD e, se necessario, aumentarle gradualmente. È essenziale comprendere la risposta del proprio corpo prima di aumentare le dosi.

Variazioni dell’appetito

Dato che il CBD influisce notevolmente sull’umore, è possibile osservare aumenti o diminuzioni del senso di fame quando lo si assume. Uno studio pubblicato su Epilepsy & Behaviour ha somministrato estratti di cannabis arricchiti di CBD a bambini affetti da epilessia. Tra i 117 genitori coinvolti, il 13% ha segnalato un significativo aumento dell’appetito dei loro figli. Un altro studio, pubblicato su Cannabis and Cannabinoid Research nel 2017, ha condotto una ricerca in cui 23 bambini con sindrome di Dravet hanno ricevuto fino a 25 mg di CBD per chilogrammo di peso corporeo al giorno. Alcuni bambini hanno sperimentato un aumento dell’appetito, mentre altri hanno riscontrato una diminuzione. Se notate variazioni dell’appetito dopo aver iniziato a usare il CBD, è possibile regolare la dose per ritrovare l’equilibrio adeguato.

Senso di stanchezza

Alcune persone potrebbero avvertire una sensazione di sonnolenza e affaticamento a causa degli effetti calmanti del CBD. La ricerca deve ancora identificare il meccanismo alla base di questo effetto, ma è probabile che sia dovuto al profondo rilassamento indotto dal CBD. In tal caso, è consigliabile assumere il CBD di sera e, se necessario, ridurre la dose. Tuttavia, in alcuni casi, il CBD può aiutare a ridurre la sensazione di stanchezza. Ci sono testimonianze aneddotiche che riportano una diminuzione della fatica dopo l’assunzione di CBD, probabilmente dovuta a cambiamenti nei rapporti tra cellule immunitarie e infiammazione.

Dissenteria

Questo effetto collaterale è più spesso associato all’olio utilizzato come veicolo per il CBD piuttosto che al CBD stesso. Sebbene in alcuni soggetti il CBD possa causare mal di stomaco, la molecola potrebbe non essere sempre la diretta responsabile. Infatti, l’assunzione a stomaco vuoto di quasi tutti gli integratori può causare nausea, malessere e diarrea. Pertanto, in questi casi, è consigliabile prendere il cannabidiolo subito dopo i pasti. Inoltre, la maggior parte dei prodotti a base di CBD contiene anche altri componenti.

Gli estratti a spettro completo, ad esempio, contengono una serie di molecole, tra cui i terpeni, mentre le formulazioni grezze possono contenere lipidi, cere e clorofilla. Tutte queste sostanze possono contribuire ai disturbi allo stomaco. Di solito, il cannabidiolo è associato all’uso di olio di canapa, di oliva o trigliceridi a catena media (MCT). Se uno di questi dovesse causare fastidio, è possibile scegliere un prodotto con un olio vettore diverso. Nel 2018, uno studio pubblicato sulla rivista “Epilessia” ha riportato la dissenteria come reazione avversa a seguito dell’assunzione a lungo termine di CBD in pazienti affetti dalla sindrome di Dravet. In questo studio, la diarrea è stata osservata nel 34% dei 278 pazienti.

Abbassamento della pressione

Il CBD ha effetti ipotensivi ed è pertanto benefico per chi soffre di ipertensione. Tuttavia, per chi ha tendenzialmente una pressione sanguigna bassa, è consigliabile consultare un medico prima di utilizzare il cannabidiolo. Uno studio condotto nel Regno Unito nel 2017 ha dimostrato che una singola dose di CBD ha ridotto la pressione sanguigna a riposo in volontari sani e ha anche limitato l’aumento della pressione sanguigna causato dallo stress.

Irritazione della pelle

Con l’applicazione di creme, gel o lozioni al CBD, è possibile sperimentare un arrossamento della pelle. Pertanto, è consigliabile effettuare un test preliminare del prodotto su una piccola area della pelle per valutarne la reazione.

Mal di testa

Questo effetto collaterale sembra verificarsi principalmente quando si assume il CBD per la prima volta, specialmente se ingerito in quantità eccessive o troppo rapidamente. Tuttavia, ci sono molte altre variabili che possono contribuire ai mal di testa, tra cui alcuni alimenti, lo stress e la disidratazione. Al contrario, il CBD ha dimostrato promesse nel trattamento del mal di testa cronico. In particolare, quando è utilizzato insieme al THC, sembra ridurre il mal di testa agendo sul sistema di attivazione della serotonina.

CBD effetti collaterali: quanto durano?

Normalmente, se si verificano effetti collaterali dovuti all’assunzione di CBD, tendono a scomparire rapidamente. Tutte le sostanze richiedono un certo periodo di tempo affinché i loro livelli nel corpo diminuiscano attraverso il metabolismo ed l’eliminazione. Il CBD sembra impiegare da 18 a 35 ore quando somministrato con metodi rapidi come il fumo, che comporta una riduzione più veloce dei livelli. Tuttavia, i suoi effetti iniziano generalmente a diminuire circa 4-6 ore dopo l’assunzione.

CBD effetti collaterali e interazioni con farmaci tradizionali

Secondo una revisione dell’OMS pubblicata nel 2018, il CBD potrebbe interferire con il metabolismo di alcuni farmaci soggetti a prescrizione medica.
Quando viene assunto, il CBD può distogliere l’attenzione degli enzimi epatici coinvolti nella metabolizzazione dei farmaci. Il fegato svolge un ruolo cruciale nel corpo umano, metabolizzando i nutrienti, attivando gli enzimi e purificando il sangue. Il fegato produce anche enzimi che contribuiscono alla metabolizzazione dei farmaci, ponendo fine ai loro effetti nel corpo. In presenza di CBD, invece di metabolizzare i farmaci, gli enzimi si concentrano principalmente sul CBD stesso.
Uno dei gruppi di enzimi interessati è la famiglia del citocromo P450. Queste proteine sono coinvolte nella metabolizzazione di molti farmaci prescritti, tra cui:

  • farmaci anticonvulsivanti
  • immunosoppressori
  • antidepressivi
  • antipsicotici
  • calcio-antagonisti
  • oppioidi

I medici e i farmacisti prescrivono farmaci con dosaggi specifici. Interferire con questo processo potrebbe mettere in pericolo alcuni pazienti.
Uno studio pubblicato sulla rivista “Epilessia” ha esaminato gli effetti dell’assunzione concomitante di CBD e del farmaco antiepilettico clobazam. In uno studio su 25 bambini, 13 di loro stavano assumendo clobazam come parte del loro trattamento. I ricercatori hanno osservato un aumento medio del 60-80% nei livelli di clobazam nei soggetti.
Pertanto, è fortemente sconsigliato combinare l’assunzione di CBD con farmaci senza la supervisione del proprio medico.

 

Un Confronto Importante: Cannabis vs Alcol

Interessante è il confronto tra gli effetti della cannabis e quelli dell’abuso di alcol. Nonostante gli effetti negativi potenziali della cannabis, studi hanno dimostrato che essa è significativamente meno dannosa dell’alcol, arrivando addirittura a proteggere il fegato dalle patologie alcol-correlate. Negli ultimi anni le persone hanno iniziato a ricercare sempre più prodotti naturali per curare i loro disturbi e il CBD è sicuramente uno tra questi. Questo non vuol dire che i farmaci non siano più necessari, anzi, ma vuol dire semplicemente che le ricerche relative a questa pianta naturale dovrebbero essere ancora più incentivate, perché il potenziale è davvero alto. Nel 2017 anche l’OMS (organizzazione mondiale della sanità) ha espresso il suo parere positivo in un rapporto che trattava del cannabinoide CBD.

I postumi del consumo di cannabis

I sintomi post-utilizzo della cannabis includono varie manifestazioni ed effetti collaterali, che emergono dopo un consumo eccessivo di marijuana. Per fortuna, questi postumi non sono così severi come quelli derivanti da un’eccessiva assunzione di alcol. Solitamente, il consumo di cannabis porta a sintomi di stanchezza e debolezza. Tuttavia, la situazione può peggiorare a causa della variabilità degli effetti da individuo a individuo. Ecco le cause più frequenti che possono generare effetti indesiderati:

  • Eccessiva quantità di THC
  • Consumo abituale di cannabis
  • Vita disordinata
  • Modalità di assunzione
  • Fame chimica
  • Qualità della cannabis

CBD effetti: conclusioni

Nonostante le controindicazioni elencate, il CBD è generalmente considerato un prodotto sicuro, con un basso rischio di abuso. La maggior parte delle persone che lo assume, infatti, non sperimenta effetti collaterali significativi. Tuttavia, è fondamentale acquisire una conoscenza approfondita del prodotto prima di acquistarlo.
Se sei interessato alla cannabis, il nostro store online di CBD Therapy ti offre una vasta selezione di prodotti di alta qualità e incredibili offerte. Perché aspettare? Clicca qui!

Ricordiamo che questo articolo ha scopo puramente informativo e non dovrebbe essere considerato come un consiglio terapeutico. Inoltre, i prodotti al CBD non sono da intendersi come medicinali o sostituti di essi.
Per ulteriori conferme sulle proprietà del CBD e sui suoi utilizzi, è necessario attendere ulteriori ricerche scientifiche.

 

 

FAQ

Domande Frequenti

Che sensazioni da il CBD?

Il CBD può produrre una varietà di sensazioni, tra cui:

  • Rilassamento
  • Alleviamento del dolore
  • Miglioramento del sonno
  • Effetti sul mood, come una sensazione generale di benessere
  • Nessun effetto psicoattivo
  • Sensazioni fisiche leggere, come una sensazione di calore o pesantezza

Queste esperienze possono variare da persona a persona e dipendono da fattori come il dosaggio e il metodo di assunzione del CBD.

Quale è l’effetto collaterale di maggior rilievo del cannabidiolo?

L’effetto collaterale più comune riportato con l’assunzione di cannabidiolo (CBD) è la bocca secca. Questo può verificarsi perché il CBD può influenzare la produzione di saliva, causando una sensazione di secchezza nella bocca. Tuttavia, è importante notare che questo effetto è generalmente di lieve entità e può essere gestito mantenendo una buona idratazione.

Quali sono le controindicazioni del CBD?

Le principali controindicazioni associate all’assunzione di CBD includono:

  1. Bocca secca
  2. Sensazione di vertigini
  3. Variazioni dell’appetito
  4. Sensazione di stanchezza
  5. Abbassamento della pressione sanguigna

Questi effetti sono generalmente di lieve entità e possono variare da persona a persona. È consigliabile consultare un medico prima di utilizzare il CBD, specialmente se si assumono altri farmaci.

Quanto ci mette il CBD a fare effetto?

Il tempo che il CBD impiega per fare effetto può variare a seconda di diversi fattori, tra cui il metodo di assunzione, la dose e il metabolismo individuale. Tuttavia, in generale:

  • Assunzione sublinguale (sotto la lingua): L’effetto può iniziare a farsi sentire entro 15-30 minuti e può durare diverse ore.
  • Assunzione per via orale (capsule, cibi, bevande): L’effetto può richiedere più tempo, generalmente tra 30 minuti e 2 ore, a seconda del tempo necessario per la digestione e l’assorbimento attraverso il tratto digestivo. Gli effetti possono durare più a lungo rispetto all’assunzione sublinguale.
  • Assunzione topica (creme, unguenti): L’effetto può iniziare a farsi sentire entro 15-45 minuti e può fornire un sollievo locale per un periodo prolungato.
  • Assunzione inalatoria (vapore): L’effetto può essere rapido, iniziando a farsi sentire entro pochi minuti, ma può anche dissolversi rapidamente.

È importante notare che questi tempi sono approssimativi e possono variare da persona a persona. Inoltre, l’effetto del CBD può essere influenzato da fattori come la sensibilità individuale e la gravità dei sintomi trattati.

🗒

Cronologia revisioni

📖 Fonti Scientifiche e Bibliografia

Lascia un commento