Sclerosi Multipla

SCLEROSI MULTIPLA E CBD

Che cos’è la SCLEROSI MULTIPLA ?

La Sclerosi Multipla (SM) è una patologia cronica del sistema nervoso centrale, dove il sistema immunitario attacca le fibre nervose del corpo. Per questo la maggior parte degli esperti la definiscono una malattia autoimmune. La sclerosi multipla aggredisce e danneggia prima di tutto la mielina, ossia la sostanza grassa che circonda e protegge le fibre nervose nel sistema nervoso centrale, coinvolta nella trasmissione corretta dei segnali nervosi. Studi epidemiologici hanno constatato che la sclerosi multipla è più frequente in Nord Europa, in Nord America, in Australia Sud-Orientale e in Nuova Zelanda, mentre è meno diffusa nelle regioni tropicali e subtropicali. Questa patologia è molto più comune nelle donne che negli uomini e normalmente colpisce tra i 20 e i 50 anni. Fu il neurologo e patologo francese Jean-Martin Charcot a descrivere per la prima volta il quadro clinico della sclerosi multipla nel 1868.

Gli studi medici hanno portato al riconoscimento di diverse forme di sclerosi multipla, che differiscono tra loro per il decorso della malattia e per il modo con cui agiscono a livello neurologico:

  • Sindrome clinicamente isolata (CIS)
  •  Sclerosi multipla recidivante con remissione (SMRR)
  •  Sclerosi multipla progressiva secondaria (SMPS)
  • aSclerosi multipla primaria progressiva (SMPP)
  •  Sclerosi multipla progressiva con ricadute (SMPR)
  •  Sindrome radiologicamente isolata (RIS)

 

Cause

I ricercatori sostengono che le cause della SM siano dovute da una combinazione di fattori, anche se non ci sono certezze a riguardo. Sono infatti tutt’oggi in corso studi nel campo dell’immunologia, studi epidemiologici e genetici nella speranza di poter dare delle risposte.
Tuttavia tra i possibili fattori di rischio troviamo:

  • Età, razza e sesso
  • Clima e ambiente
  • Ereditarietà
  • Presenza di malattie autoimmuni
  • Presenza di infezioni

Sintomi della SCLEROSI MULTIPLA

I sintomi della patologia dipendono dall’entità dei danni subiti dai nervi. Durante il decorso della malattia, alcuni sintomi vanno e vengono, mentre altri possono essere più duraturi. Tra i più comuni troviamo:

  • Stanchezza, fatica e debolezza
  • Vertigini
  • Intorpidimento (spesso su un solo lato del corpo)
  • Parziale o totale perdita della vista
  • Disturbi nel linguaggio
  • Tremori, mancanza di coordinazione e problemi di equilibrio
  • Problemi intestinali e della vescica
  • Dolore e disturbi della sensibilità
  • Disturbi cognitivi
  • Disturbi sessuali
  • Spasticità

Cure: come può aiutare il CBD con la Sclerosi Multipla ?

Attualmente non esiste una cura efficace che permette di guarire dalla SM. Esistono una serie di farmaci che possono aiutare ad attenuare i dolori e a rallentare il progresso della malattia. Tra questi troviamo l’ocrelizumab, l’unico ad essere approvato dalla Food and Drug Administration (l’ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici), che si è rivelato in grado di impedire il peggioramento della disabilità nelle persone affette da SM primaria progressiva e SM con recidive e remissioni. Anche la fisioterapia è tra le cure per la SM, in quanto serve per rafforzare i muscoli indeboliti e migliorare la mobilità.

L’accademia neurologica americana consiglia l’assunzione di cannabis per controllare la spasticità e i dolori muscolari. Sono stati eseguiti diversi studi che hanno dimostrato i benefici del CBD nella cura della Sclerosi Multipla e la maggior parte delle ricerche sono state condotte utilizzando il Sativex. Si tratta di un composto di CBD e THC in un rapporto 1:1 che potrebbe diventare il primo estratto di marijuana vendibile su prescrizione medica, approvato dalla FDA.

Nel 2011 nella Expert Review of Neurotherapeutics

venne pubblicata l’esatta composizione del Sativex e il suo utilizzo negli esperimenti clinici. Gli esperti avevano riscontrato una riduzione della gravità dei sintomi legati alla spasticità. Sempre nel 2011 il medico israeliano Zvi Vogel contribuì ad uno studio eseguito sui topi con sintomi da SM. Dopo l’assunzione di CBD, gli animali iniziarono a muoversi nonostante la paralisi parziale che presentavano inizialmente. Inoltre il CBD aveva impedito alle cellule immunitarie di attaccare quelle nervose del midollo, pertanto gli animali presentavano un’infiammazione del midollo spinale ridotta. Nel 2013, a seguito di un ulteriore studio, i ricercatori israeliani conclusero che “la presenza di CBD o THC impedisce alle cellule immunitarie di avviare la produzione di molecole infiammatorie e limita la loro capacità di raggiungere e danneggiare il cervello e il midollo spinale”.

Nel 2012 venne eseguito un test su 23 pazienti affetti da SM con ricadute e remittenze. Per 6 mesi fu loro somministrato olio di semi di canapa (privo di THC e CBD) e olio di enagra, in aggiunta ad una dieta equilibrata. Al termine dello studio, gli esperti conclusero che l’assunzione di olio di semi di canapa e olio di enagra insieme ad una particolare alimentazione, può ridurre il rischio di sviluppare la malattia.

Nel 2013 il Sativex venne utilizzare per condurre un esperimento di 15 settimane su 337 persone: il 98% dei pazienti riscontrò un miglioramento generali dei sintomi nelle prime 4 settimane, con lievi effetti collaterali.

Oggi il THC e il CBD sono approvati in tutto il mondo per il trattamento della Sclerosi Multipla.

Si raccomanda di consultare il proprio medico prima di procedere con l’assunzione.

 

Carrello