Cos’è la Cannabis ?

La Cannabis sativa L. o cannabis è un’erbacea annuale

Che ha una lunga storia di utilizzo in tutto il mondo come fibra, cibo, olio e anche come medicina.

La cannabis appartiene alla piccola famiglia delle Cannabaceae, che comprende il luppolo e la bacca Celtis.

È un’angiosperma dicotilata che dà tipi di fiori incompleti (privi di petali) e anche imperfetti con gli organi sessuali separati.

Il fiore porta solo i pistilli, conosciuti come fiori pistillati (o fiori femminili), e quelli con solo gli stami sono chiamati staminati (o fiori maschili).

In natura, la cannabis produce sia fiori maschili che femminili (dioica), tuttavia, in condizioni di giorno corto, può dare sia fiori maschili che femminili o monoica.

Le piante sono in grado di crescere fino a 3 m di altezza o più piccole a seconda delle varietà e delle condizioni di crescita.

I fiori iniziano spesso come gruppi di fiori o come una gemma ascellare .

Il fusto è composto dallo strato più esterno dell’epidermide, che è sottile e grossolano, e dagli strati primari e secondari che forniscono la migliore qualità della fibra.

Il più interno, che è la fibra secondaria lignificata dell’esplosione, dà la migliore qualità della fibra

A seconda degli scopi di utilizzo, può essere chiamata con nomi diversi.

Per esempio, “canapa” come fibra e coltura tessile e “cannabis ricreativa”, o conosciuta negli USA come marijuana.

A parte la sua qualità come tessuto industriale, le proprietà psicoattive hanno etichettato le piante di cannabis come una droga illecita con molti nomi informali tra cui :

  • Pot
  • Dope
  • Grass
  • Weed
  • Mary Jane
  • Bud
  • Hash
  • Bhang
  • Kief
  • Ganja
  • Locoweed
  • Reefer
  • Doob
  • Spliff
  • Toke
  • Roach

E’ vietata la coltivazione in molti paesi a causa degli ingredienti psicoattivi contenuti.

In senso medico, molti studi recenti hanno consigliato che l’aumento del consumo di cannabis era in associazione con sintomi psichiatrici tra cui depressione e ansia.

Tuttavia, molti utenti continuano a sostenere esclusivamente il suo scopo ricreativo.

Di conseguenza, c’è stato un forte movimento verso la correzione degli atteggiamenti negativi della cannabis e sono stati fatti dei tentativi nel cercare di rimuovere questa pianta dalle liste degli stupefacenti.

In Tailandia, per esempio, a partire dal 2020, ceppi di cannabis come กัญชง (canapa) e กัญชา (marijuana) sono legalmente coltivati per fibre industriali o scopi medicinali sotto il livello controllato di metaboliti attivi tra cui i cannabinoidi di Δ9-tetraidrocannabinolo (THC) e cannabidiolo (CBD).

Mentre l’attenzione si è concentrata principalmente sulle funzioni bioattive dei cannabinoidi, i terpeni idrocarburici potrebbero anche offrire interessanti effetti di entourage che potrebbero idealmente sinergizzare o integrare i loro effetti.

Eminentemente, con l’aumento dell’industria legale della cannabis, l’interesse è stato rivolto ai terpeni della cannabis in quanto contribuiscono a molte delle diverse caratteristiche aromatiche che influenzano le diverse varietà di ceppi di cannabis .

“Chen Nong”

Nell’ambito di questa rassegna, forniamo la storia generale della scoperta della cannabis e l’importanza dei terpeni.

La tassonomia e la morfologia della cannabis, in particolare la localizzazione dei terpeni, sono discusse.

Ancora più importante, la chimica, la biosintesi e la diversità dei terpeni nei diversi genotipi di cannabis sono di grande interesse in questa rassegna.

La cannabis ha una lunga storia che risale all’incirca a subito dopo l’era glaciale, dato che nelle grotte storiche della Repubblica Ceca sono stati trovati corde e ritagli di tessuto in fibra di cannabis .

Nel XIX secolo, la pianta è stata registrata come originaria della zona meridionale del Mar Caspio vicino all’Iran  .

È stato poi confermato dalla chemiotassonomia dell’olio essenziale di cannabis di diverse origini e la maggior parte dei fenotipi di cannabis raccolti in tutto il mondo avevano ingredienti chimici simili a quelli di origine centroasiatica .

In passato, era conosciuta come la pianta da fibra originale nella cultura asiatica.

Gli estratti di semi e di olio di semi erano anche usati come cibo .

La prima menzione della cannabis nella letteratura cinese può essere datata a circa 5000 anni fa, come scritto dall’imperatore Chen Nong, allora conosciuto come il padre dell’agricoltura cinese.

L’alfabeto cinese “Ma” , creato usando l’imitazione del processo di essiccazione della cannabis.

La lettera fu adattata per descrivere la pianta maschile, “his” separata dalla pianta femminile, “chu” per la qualità della fibra .

Nel 500 a.C., l’uso della cannabis si diffuse in tutto il mondo dall’Asia all’Europa e all’Africa attraverso la via della seta.

Nel 19° secolo, la canapa era popolare nel mondo occidentale come coltura di fibre che aveva qualità superiori .

Non è quindi troppo sorprendente che la cannabis sia oggi conosciuta come una pianta ideale in termini di sostenibilità.

In un periodo di rapida crescita industriale, la canapa divenne la coltura industriale mentre i paesi correvano gli uni contro gli altri verso la modernità.

Oltre che per l’industria tessile mondiale, la pianta cominciò ad essere conosciuta per questioni mediche.

Si ritiene che durante il XIX secolo, ci fossero migliaia di medicine a base di cannabis disponibili, prodotte da più di 280 produttori.

La crescita e l’interesse per questa coltura di fibre crollarono dopo il tentativo di aggiungerla alla lista degli stupefacenti con l’oppio durante la convenzione di Ginevra nel 1925 .

I primi isolati di cannabinoidi usati per scopi medicinali furono in Cecoslovacchia, e il CBD fu pienamente caratterizzato per la prima volta nel 1963 , seguito dal THC psicoattivo l’anno successivo .

La scoperta dei recettori dei cannabinoidi, CB1 e CB2 insieme alla piena comprensione del sistema endocannabinoide ci ha aiutato a riconoscere i benefici medicinali di questa pianta .

“Dr. Ethan Russo”

Nel 1942, Simonsen e Todd furono i primi ricercatori a porre le frazioni terpeniche come una categoria separata dai cannabinoidi e il p-cymene fu riportato come un costituente principale dell’hashish egiziano.

Solo negli ultimi anni i termini effetto sinergico e/o entourage degli altri composti della cannabis, compresi quelli dei terpeni, sono stati ipotizzati dai chimici di tutto il mondo.

È stato descritto per la prima volta come vie per la regolazione molecolare dell’attività dei cannabinoidi endogeni.

Dr. Ethan Russo ha documentato l’effetto terapeutico unico dei terpeni della cannabis che potrebbero avere un ruolo negli effetti di entourage delle proprietà medicinali dei cannabinoidi.

Questa sinergia fitocannabinoidi-terpenoidi potrebbe migliorare : i trattamenti del dolore, dell’infiammazione, della depressione, dell’ansia, della dipendenza, dell’epilessia, del cancro, delle infezioni fungine e batteriche

 

Carrello