Carrello
CBD e fame

CBD e fame: qual è la correlazione?

Condividi l'articolo!

Il cervello è uno degli organi più potenti e complessi del nostro corpo. Una delle sue funzioni è regolare l’appetito, innescando il bisogno di nutrimento nel nostro corpo. Gli studi dimostrano che sempre più persone si rivolgono alla CBD per regolare la fame. Il cannabidiolo è uno dei tanti cannabinoidi presenti nella pianta di cannabis. È una sostanza naturale che si è dimostrata sicura ed efficace. Ma qual è la correlazione tra CBD e fame?

Continuate a leggere per saperne di più!

Come funziona l’appetito?

Cosa significa avere appetito? Cos’è che spinge il nostro corpo a ricercare cibo con cui alimentarsi? Tutto ciò parte dall’interazione omeostatica tra alcune parti del cervello, le cellule del corpo e gli ormoni associati all’appetito.

Avete presente il brontolio che sentiamo provenire dalla nostra pancia quando non mangiamo da un po’ di ore o saltiamo un pasto? Ecco, questa sensazione deriva dal rilascio di una sostanza chimica chiamata grelina. Si tratta di un ormone prodotto principalmente da particolari cellule che rivestono lo stomaco. La grelina svolge numerose funzioni all’interno del nostro corpo, tra cui l’attivazione dei meccanismi di percezione sensoriale dei nutrienti e la stimolazione dell’appetito. Dopo il suo rilascio, la grelina entra nella circolazione sanguigna e va verso il cervello. Qui inizia ad agire sui recettori dell’ipotalamo, una ghiandola del cervello che ha il compito di controllare il sistema endocrino, l’appetito e l’assunzione di cibo.

Nell’ipotalamo ci sono principalmente due tipologie di cellule nervose che stimolano o inibiscono l’appetito. Una di queste, infatti, rilascia le proteine che stimolano la fame, l’altra, invece, produce proteine che riducono la fame. Quando la grelina agisce sull’ipotalamo, aumenta l’attività delle cellule nervose che rilasciano le proteine della fame, mentre respinge l’attività di quelle che producono proteine inibitrici.

Per mantenere l’omeostasi, i segnali dello stomaco e degli altri organi cambiano man mano che lo stomaco si riempie ed i livelli di grelina scendono. Se la grelina fosse rilasciata costantemente, infatti, saremo costretti a mangiare in continuazione, mettendo a rischio la salute dell’organismo. 

Differenza tra fame e appetito

Fame e appetito sono due termini spesso usati come sinonimi. Tuttavia, in realtà si tratta di due cose diverse. La fame, infatti, si riferisce ai processi fisiologici che regolano l’alimentazione omeostatica e la produzione di ormoni, proteine e segnali all’interno del sistema nervoso. E’ un bisogno primario dettato dal senso di sopravvivenza e di gestione dei processi metabolici.

Con il termine appetito, invece, ci riferiamo al desiderio di mangiare. Sebbene l’appetito derivi spesso dalla fame, ci sono molte altre variabili che possono influire, come stress, emozioni e fattori ambientali. E’ definita fame edonica e si riferisce all’ingestione di cibo in base alla percezione sensoriale e al piacere, anche se in realtà il bisogno metabolico è già stato soddisfatto. 

CBD e fame: l’influenza del cannabidiolo sul metabolismo 

Uno studio fatto nel 2016 ha dimostrato che il CBD può influenzare direttamente il nostro metabolismo. In questa ricerca, eseguita da un gruppo di studiosi coreani e pubblicata nella rivista Molecular and Cellular Biochemistry, è stato condotto un attento monitoraggio sul CBD per determinare i suoi effetti sulle cellule di grasso immature. Queste cellule adipose sono comunemente note come preadipociti e si è scoperto che il CBD ha in realtà tre diversi modi di “rosolare” le cellule adipose del corpo.

I ricercatori coinvolti nello studio hanno stabilito che il cannabidiolo ha la capacità di stimolare i geni e le proteine ​​che svolgono un ruolo importante nell’aumentare la ripartizione dei grassi nel corpo. Inoltre, hanno anche scoperto che il CBD è in grado di potenziare il numero di mitocondri e la loro attività e ingigantisce le abilità brucia-calorie del corpo. Gli esperti hanno inoltre scoperto che il CBD ha la capacità di minimizzare l’espressione di proteine ​​responsabili dello sviluppo di nuove cellule grasse nel corpo.

Mentre alcuni studiosi hanno suggerito che i grassi bianchi sono in grado di aumentare il rischio di determinate condizioni come le malattie cardiache e il diabete, i grassi “rosolati” possono favorire la perdita di peso bruciando l’energia del corpo ad un ritmo maggiore. Dopo che la ricerca è stata completata, sono giunti alla conclusione che il CBD potrebbe incoraggiare l’imbrunimento dei grassi, il che significa sostanzialmente che può convertire i grassi bianchi in grassi marroni.

Sistema endocannabinoide e metabolismo 

È stato confermato che il sistema endocannabinoide (ECS) è in realtà la causa principale della capacità del CBD di interagire con il nostro sistema. L’ECS comprende alcuni enzimi metabolici sopra i recettori e le sostanze chimiche di segnalazione. Diversi studi dimostrano che l’ECS è direttamente collegato alle numerose funzioni metaboliche nel corpo e che includono il trasporto di nutrienti e l’immagazzinamento di energia nel corpo. Alcuni esperti ritengono che sia l’ECS il responsabile dell’innescare la sensibilità all’insulina.

La cannabis potrebbe essere in grado di regolare anche altre parti del nostro corpo. In uno studio fatto su 2008, è stato scoperto che l’ECS ha la capacità di stimolare quelle aree del nostro corpo che hanno avuto un ruolo nel nostro metabolismo. Questi includono i muscoli scheletrici, il pancreas endocrino, il tratto gastrointestinale ecc.

CBD e fame

Uno dei componenti più importanti nella funzione complessiva del sistema endocannabinoide del nostro corpo è l’uso di cannabinoidi. L’olio ha dimostrato di essere efficace e sicuro poiché è un integratore completamente naturale. Ciò significa che non contiene altri ingredienti sintetici o sostanze chimiche non naturali che potrebbero portare a effetti collaterali dannosi. L’ECS del nostro corpo consiste in un insieme molto complesso di neurotrasmettitori e recettori che possono essere trovati in tutto il corpo e non solo nel cervello.

Il sistema endocannabinoide può essere responsabile dell’assistenza indiretta nel controllo di molte delle funzioni generali del nostro corpo. Il CBD blocca i recettori CBI in modo che i livelli di grelina rimangano bassi, a differenza di quanto fa il THC.

Inoltre, il nostro cervello produce un ormone importante, chiamato leptina, che agisce regolando la nostra sazietà. Dopo aver mangiato una quantità abbondante di cibo, i recettori degli endocannabinoidi presenti nell’intestino, indirizzano l’ECS a inviare segnali al cervello informandolo che ha già raggiunto la soglia. Di conseguenza, il cervello rilascerà la leptina, provocando la sensazione di sazietà. A causa dell’elevata reattività del CBD con i recettori CB2, il cannabidiolo stimolerà la capacità del cervello di produrre e rilasciare la leptina.

Olio CBD per perdere peso 

In uno studio, è stato rivelato che i mitocondri, un certo tipo di struttura cellulare, hanno recettori cannabinoidi sulla membrana esterna. Questa è la prova che l’ECS svolge un ruolo importante nel funzionamento complessivo dei mitocondri.

I mitocondri sono gli organi all’interno della cellula responsabili della produzione di energia e della respirazione del corpo. Funzionano convertendo il glucosio e l’ossigeno in energia che il corpo umano può utilizzare. I mitocondri funzionano come fabbriche di energia che svolgono un ruolo cruciale nel modo in cui il metabolismo funziona nel sistema del corpo umano.

Quando si utilizza il soppressore dell’appetito CBD, il livello di attività dei mitocondri aumenterà e aumenterà anche la loro capacità di produrre energia. Di conseguenza, finirai per bruciare ancora più calorie, il che potrebbe essere di grande aiuto con la perdita di peso.

CBD e fame: in conclusione 

Esperti di tutto il mondo hanno studiato e stanno studiando la correlazione tra CBD e fame. È stato scoperto che l’effetto opposto del CBD sui recettori CB1 potrebbe significare che non aumenterà in alcun modo il nostro appetito. Ma quello che può fare è minimizzare i sintomi di certe condizioni per migliorare l’appetito. Questo dovrebbe essere sufficiente per rispondere alle domande della maggior parte delle persone sul fatto che il CBD possa rendere affamati.

Se siete appassionati del mondo del CBD, vi aspettiamo nel nostro store online, dove potrete trovare moltissimi prodotti di qualità e offerte settimanali imperdibili! Cosa aspettate? Cliccate qui!

CBD e Fame 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]