colori della cannabis

I colori della cannabis e i loro significati

Perché ci sono diversi colori della cannabis?

Ci sono diversi fattori che possono influenzare i colori della cannabis, tra cui:

  • Struttura chimica: il primo fattore che può influenzare il colore della pianta è un’anomalia nella struttura chimica. La presenza e l’equilibrio di sostanze chimiche, come le antocianine ed i carotenoidi, infatti, sono fondamentali per l’aspetto finale del raccolto;
  • Maturità: questo fattore non influisce sul colore tanto quanto gli altri, tuttavia la maturità della pianta avrà un impatto importante sul colore dei pistilli, i peli arancioni sparsi nelle cime mature. Man mano che la pianta si avvicina al momento della raccolta, il colore diventerà sempre più acceso, fino a raggiungere sfumature rosse, rosa e marroni;
  • Carenze: anche le carenze di nutrienti o di acqua possono influire sui colori della cannabis. Ad esempio, se non hanno abbastanza azoto nella loro nutrizione giornaliera, le foglie potrebbero assumere una tonalità gialla. Se c’è una mancanza di fosforo, invece, le foglie potrebbero diventare addirittura rosse;
  • Livello di pH: diversi intervalli di pH possono far sì che gli antociani esprimano tonalità diverse;
  • Stress: alcuni fattori di stress, come le radiazioni UV, aumentano la produzione di antociani;
  • Temperatura: le temperature notturne più fresche alla fine di una stagione di coltivazione costringono le piante ad orientarsi meno sulla produzione di clorofilla durante la fioritura, innescando un aumento della produzione di antociani.

Come vi abbiamo accennato nel paragrafo precedente, questi colori non indicano per forza dei problemi. Tuttavia, se un determinato colore non è comune in una specifica varietà, è consigliato controllare la soluzione nutritiva.

Quanti e quali sono i colori della cannabis

Ora che sapete da cosa può dipendere la diversa colorazione, vediamo nel dettaglio quanti e quali sono i colori che la cannabis può assumere.

Verde (clorofilla) 

Sicuramente avrete già sentito il termine “fotosintesi”. Si tratta di un processo che consente alle piante di convertire l’energia luminosa in carboidrati, utilizzati per la crescita e lo sviluppo. Protagonista di questo processo è la clorofilla, un pigmento verde che permette alle piante di assorbire energia dalla luce. Le molecole di clorofilla si trovano nei cloroplasti, minuscole strutture all’interno delle cellule vegetali. E’ proprio la clorofilla che conferisce alle piante il colore verde e rappresenta circa il 70% dei pigmenti contenuti in esse. Dalla sua concentrazione dipende la differente colorazione della pianta. La clorofilla normalmente copre gli altri pigmenti; per questo motivo la maggior parte delle varietà di cannabis sono verdi.

Giallo e arancione (carotenoidi)

Se la clorofilla conferisce alle piante un colore verde, per quale motivo alcune varietà presentano sfumature giallo/arancioni? Queste sono il risultato di un altro gruppo di sostanze fitochimiche: i carotenoidi. Conosciute anche come tetraterpenoidi, queste molecole sono una famiglia di pigmenti organici gialli, arancioni e rossi che si trovano in molte specie vegetali. Sono gli stessi che donano colori vivaci ad esempio a carote, papaia, zucca e peperoni. I carotenoidi, inoltre, agiscono come antiossidanti, attirano i colori, fungono da precursori degli ormoni vegetali ed aiutano anche la fotosintesi. Sono stati identificati oltre 750 carotenoidi e nelle foglie di cannabis si trovano: β-carotene, Luteina, Violaxantina, Neoxanthin e β-criptoxantina. L’intensità del colore dipende dalla concentrazione di tutti questi carotenoidi nelle singole varietà di cannabis.

Rosso e rosa (carotenoidi ed antociani)

Alcune varietà di marijuana possono presentare sfumature rosse e/o rosa, a causa della presenza della antocianine. Si tratta di una tipologia particolare di flavonoidi, ossia sostanze fitochimiche responsabili dei colori della cannabis. In particolare, è la combinazione di antocianine e carotenoidi che favorisce la colorazione rosso/rosa.

Viola e blu (antociani)

La cannabis viola è diventata molto popolare negli ultimi anni. I responsabili di queste particolari tonalità sono gli antociani, specialmente se esposti ad intervalli di pH neutri. Poiché le antocianine si accumulano in grandi quantità all’interno della pianta, i pigmenti delle cime verranno indirizzati verso le tonalità più scure.

Nero e marrone (antociani)

Le piante di cannabis che ci appaiono nere e marroni, in realtà hanno sfumature di viola molto profonde. Questi ceppi possiedono alti livelli di antociani, probabilmente a causa di un gene recessivo che aumenta la conversione del glucosio nei pigmenti colorati. Tuttavia, una pianta dall’aspetto nero è sinonimo anche di una reazione a particolari cambiamenti nel loro ambiente. Questi composti, infatti, si attivano quando le temperature scendono per aiutare a prevenire il congelamento dell’acqua presente all’interno della pianta. Inoltre, la cannabis normalmente preferisce un un substrato leggermente acido. Tuttavia, con un profilo più neutro le piante assumeranno sfumature decisamente più scure. Per ottenere questo risultato, l’intervallo ideale è tra 5,8 e 6,8.

Cosa possiamo dedurre dai colori della cannabis?

Vediamo ora cosa possiamo comprendere in base alle diverse colorazioni:

  1. Aroma: alcune varietà sono più colorate di altre, indicando una maggiore presenza di flavonoidi, i quali possono potenziare gli aromi e i profumi della cannabis.
  2. Potenza: il colore non è un indicatore diretto della potenza della cannabis, ma la presenza di abbondanti tricomi, particolarmente scuri o ambrati, può suggerire un elevato contenuto di THC.
  3. Maturazione: le foglie ingiallite e il colore dei pistilli possono fornire indicazioni sulla fase di maturazione della pianta, con un’attenzione particolare al momento ottimale per la raccolta.
  4. Imperfezioni: variazioni di colore possono indicare imperfezioni nell’ambiente di crescita della pianta, come pH non neutro o carenze di nutrienti.
  5. Temperatura: la temperatura dell’ambiente di crescita influenza i colori della cannabis, con temperature più elevate che favoriscono il verde della clorofilla e temperature più basse che permettono la manifestazione di pigmenti come antocianine e carotenoidi, producendo colori più vivaci come viola, rosso o blu.

Considerazioni finali

Dalle sfumature di colore di una pianta di cannabis è possibile dedurre molte informazioni. Conoscendo la specifica varietà di cannabis, possiamo intuire non solo il suo stato di salute, ma anche il suo livello di maturità. Possiamo rilevare se una pianta è stata coltivata in un ambiente caldo o freddo e anche le condizioni del terreno. Tuttavia, è importante sottolineare che il colore non fornisce indicazioni sulla potenza o sugli effetti specifici di particolari varietà.

Se siete interessati alla cannabis, vi aspettiamo nel nostro CBD store, con le migliori varietà di erba light, tanti prodotti di alta qualità e offerte irresistibili!