Carrello

Dentifricio CBD VS Dentifricio commerciale

In uno studio condotto nel gennaio del 2020 dalla dott.ssa Veronica Stahl ed il dott. Kumar Vasudevan, è stato fatto un confronto dell’efficacia dei cannabinoidi rispetto ai prodotti commerciali di igiene orale per quanto riguarda la riduzione del contenuto batterico della placca dentale con Dentifricio CBD.

Cos’è la placca dentale

La placca dentale è un biofilm complesso che si forma sui denti e agisce come serbatoio di diversi microbi. È la causa principale dell’insorgenza di problemi e malattie dentali, tra cui carie, alito cattivo, gengive sanguinanti e perdita dei denti. Pertanto, dovrebbe essere rimosso regolarmente usando adeguati ausili per l’igiene orale.

 

Dentifricio CBD: lo studio 

Sessanta adulti tra i 18 e i 45 anni sono classificati in sei gruppi in base all’indice di screening parodontale olandese. Le placche dentali degli adulti sono raccolte con bastoncini di stuzzicadenti e distribuite su due piastre Petri, ognuna con quattro divisioni. Sulla piastra Petri-A sono usati cannabidiolo (CBD), cannabicromene (CBC), cannabinolo (CBN), e cannabigerolo (CBG), e sulla piastra Petri-B, acido cannabigerolico (CBGA), Oral B, Colgate, e Cannabite F (una formulazione di dentifricio di melograno e alghe). Le piastre Petri sono sigillate e incubate, seguite dal conteggio del numero di colonie.

Dentifricio CBD
Presenza di Colonie batteriche

Risultati

Valutando la conta delle colonie dei batteri dentali isolati da sei gruppi, si è scoperto che i cannabinoidi sono più efficaci nel ridurre la conta delle colonie batteriche nelle placche dentali rispetto ai prodotti sintetici per l’igiene orale ben affermati come Oral B e Colgate.

Conclusione

I cannabinoidi hanno il potenziale per essere usati come un efficace agente antibatterico contro i batteri associati alla placca dentale. Inoltre, forniscono un’alternativa più sicura agli antibiotici sintetici per ridurre lo sviluppo di resistenza ai farmaci. 

Per quanto ne sappiamo, non è stato pubblicato alcuno studio che confronti l’efficacia dei cannabinoidi con quella dei prodotti per l’igiene orale contro i batteri dentali. Il nostro studio è il primo del suo genere condotto per confrontare l’efficacia di prodotti commerciali per l’igiene orale ben consolidati e dei cannabinoidi. Ridurre il contenuto batterico potrebbe significativamente diminuire e prevenire le malattie gengivali che sono diventate un enorme peso globale a causa della loro relazione diretta con le malattie sistemiche. 

Fonte : PMC

Dentifricio CBD