Marijuana

La maggior parte di noi ha familiarità con il termine “reefer madness“. Lo usiamo per descrivere gli odiatori della Marijuana .

Persone che non sanno di cosa stanno parlando. Persone che ricorrono alla tattica della paura, all’incitamento della paura e al lavaggio del cervello per spingere la loro agenda.

Se c’è una cosa che la storia degli Stati Uniti ci ha insegnato, è che quando lo stile di vita americano è minacciato

Si generano guerre per bilanciare la bilancia.

L’origine del termine “reefer madness” inizia durante il periodo in cui l’America conservatrice cominciava ad essere spaventata.

Vedete, negli anni 20 e 30, La Marijuana era la droga preferita dal mondo del jazz.

Molti musicisti la usavano per l’ispirazione e la accettavano come regalo dai benefattori.

Interi corpi di canzoni furono scritti intorno al fumare erba.

Si potrebbe persino sostenere che furono i musicisti neri di New Orleans a inventare il jazz con l’aiuto della Marijuana.

Satchmo, altrimenti noto come la leggenda della tromba Louis Armstrong, e i suoi compagni appassionati si facevano chiamare Vipers.

Un Viper era un termine per indicare un musicista che fumava marijuana, e gli aficionados erano così entusiasti di sballarsi che svilupparono un intero gergo incapace di essere tradotto dalla popolazione bianca che governava il paese.

Era tutto parte di un linguaggio che nasceva soprattutto dalla vita di questi musicisti jazz itineranti che si spostavano rapidamente da un posto all’altro e usavano il fumo per aiutarli a far fronte alle difficoltà della strada e alla discriminazione di una popolazione intera .

I musicisti jazz in tournée portavano così tanta cannabis al nord, che questa veniva rapidamente apprezzata e si diffondeva facilmente.

Le sale da jazz erano piene di persone strafatte di questo flagello che ballavano come pazzi.

Il gergo della vipera si fece strada nei testi di diverse canzoni popolari, come “Chant of the Weed” di Don Redman del 1931, e la canzone di Cab Calloway del 1932, “Reefer Man

Fu su questa premessa che Harry Anslinger, il padre del proibizionismo dell’erba,  cominciò a lanciare la sua retorica allarmista sostenendo che la cannabis era un flagello satanico che produceva musica in adorazione del lato oscuro.

Ma chi era Harry Anslinger?

Harry Anslinger

Nato ad Altoona, Pennsylvania da genitori svizzero tedeschi nel 1892, Harry Anslinger iniziò a lavorare per la Pennsylvania Railroad in terza media.

Dopo essere salito di grado, iniziò a investigare su richieste di morte ingiusta, dove il suo metodo di lavoro fu rapidamente caratterizzato dall’essere rigorosamente da manuale e dall’avere un forte naso per le frodi.

Potrebbe essere stato questo atteggiamento che gli ha fatto ottenere una posizione di inseguire i trafficanti di rum attraverso le Bahamas fino alla sua nomina nel 1930 come capo del neonato Federal Bureau of Narcotics, un ente istituito sotto la presidenza di J. Edgar Hoover.

Durante i primi giorni della sua carriera Anslinger sembrava poco interessato alla marijuana.

All’epoca era considerata una droga benigna. Fu inclusa nella Farmacopea degli Stati Uniti nel 1851 , (La Farmacopea è un libro allora assemblato per identificare le droghe per lo più botaniche in uso medico).

Il libro detta la formula esatta, le parti della pianta, e il metodo esatto di preparazione delle droghe di base per uso farmaceutico.

Tra il 1850 e il 1937, la marijuana è stata ampiamente utilizzata nella pratica medica americana per una vasta gamma di disturbi.

Nel 1851 la marijuana è ammessa come medicina riconosciuta nella terza edizione della Farmacopea degli Stati Uniti con il nome di Extractum Cannabis o Estratto di Canapa ed elencata fino al 1942.

Alla fine del 20° secolo più di 20 farmaci con prescrizione contenenti Marijuana erano venduti nelle farmacie statunitensi.

Il National Formulary e lo United States Dispensatory, includevano anche trattati sulla marijuana e citavano raccomandazioni sul suo uso per numerose malattie.

Nel 1851 il Dispensario degli Stati Uniti riportava:

“L’estratto di canapa è un potente narcotico [qui inteso come droga che produce sonno], che provoca euforia, intossicazione, allucinazioni deliranti, e, nella sua azione successiva, sonnolenza e stupore, con poco effetto sulla circolazione. Si afferma anche che agisce come un afrodisiaco deciso, per aumentare l’appetito, e occasionalmente per indurre lo stato catalettico. Negli stati morbosi del sistema, è stato trovato per causare il sonno, per placare gli spasmi, per comporre l’inquietudine nervosa e per alleviare il dolore. In questi aspetti assomiglia all’oppio, ma differisce da questo narcotico perché non diminuisce l’appetito, non controlla le secrezioni e non costipa l’intestino. È molto meno sicuro nei suoi effetti, ma a volte può essere impiegato preferibilmente. Quando l’oppio è controindicato dai suoi effetti nauseabondi o costipanti, o la sua disposizione a produrre mal di testa, e a controllare la secrezione bronchiale. I disturbi in cui è stato specialmente raccomandato sono nevralgie, gotta, reumatismi, tetano, idrofobia, colera epidemico, convulsioni, corea, isteria, depressione mentale, delirium tremens, follia ed emorragia uterina“.

Ma se questo è vero, perché tutto l’odio per la Marijuana ?

La risposta a questo è davvero semplice.

Nel suo libro intitolato “Chasing the Screams : The first and Last Days of the War on Drugs,” Johann Hari spiega ai suoi lettori questo:

Il jazz era l’opposto di tutto ciò in cui Harry Anslinger credeva. È improvvisato, rilassato, libero. Segue il proprio ritmo. La cosa peggiore è che è una musica bastarda fatta di echi europei, caraibici e africani che si accoppiano sulle coste americane. Per Anslinger, questa era anarchia musicale e la prova di una ricorrenza degli impulsi primitivi che si annidano nella gente nera, in attesa di emergere. ‘Suonava‘, dicevano i suoi promemoria interni, ‘come le giungle nel cuore della notte‘”.

Quando il nuovo lavoro del vecchio Harry alla guida del Federal Narcotics Bureau fu minacciato da una mancanza di cose da fare per rimanere in carica , decise di dare la caccia a quella che sentiva essere la più grande minaccia al suo amato paese.

” I Darkies “.

Avvicinandosi ad un pubblico che contava per lo più come bianco protestante, schiavizzò le masse con il solito tropo bianco-supremacista su come tutte le preziose donne dalla pelle chiara del paese fossero in pericolo.

In un articolo del 1937 intitolato “Marijuana, assassina della gioventù” scrisse questo: “Non molto tempo fa il corpo di una giovane ragazza giaceva schiacciato sul marciapiede dopo un tuffo dalla finestra di un appartamento di Chicago. Tutti l’hanno chiamato suicidio, ma in realtà è stato un omicidio. L’assassino era un narcotico conosciuto in America come marijuana, e nella storia come hashish“.

Victor Licata

Le tattiche di Harry in quanto tale erano prolifiche e commerciava sull’idea della paura.

Faceva di tutto per spaventare la gente.

Come nel caso di Victor Licata., che usò un’ascia per uccidere tutta la sua famiglia nel 1933.

Fu un evento orribile che Anslinger a sua volta capitalizzò, convincendo i media a spacciare l’idea che Licata fosse impazzito per aver fumato marijuana, anche se non c’erano prove a sostegno.

All’assassino con l’ascia fu infine diagnosticata la schizofrenia e la ben documentata storia di malattia mentale della sua famiglia fu resa nota al pubblico, ma il danno per la Marijuana era già stato

 fatto.

Billie Holiday

La vera natura della guerra che Anslinger stava conducendo può essere vista nella sua veemente oppressione della cantante afro-americana Billie Holiday quando apprese che la stella nascente era dipendente dall’eroina.

Le diede la caccia. Le mise addosso della droga. Infangò il suo nome. La fece sbattere in prigione. Le fu tolta la licenza d’artista e le fu effettivamente impedito di esibirsi legalmente in qualsiasi jazz club di tutti gli Stati Uniti.

Quando scoprì che l’attrice Judy Garland era una drogata la chiamò nel suo ufficio e, da buon amico, le consigliò di prendersi vacanze più lunghe.

L’effetto a lungo termine ed i risultati delle tattiche di Anslinger hanno avuto effetti duraturi.

Dai titoli dei giornali attraverso i secoli che recitavano: “I messicani coltivano erba e gli studenti la fumano, dice il capo della polizia” e “UCCIDE SEI PERSONE IN OSPEDALE. Un messicano, impazzito per la marijuana, si scatena con un coltello da macellaio“.

Marijuana
John Ehrlichman

Al capo consigliere interno di Nixon, John Ehrlichman, che infamemente disse alla rivista Harper’s nel 1994: “Volete sapere di cosa si trattava veramente? La campagna di Nixon nel 1968, e la Casa Bianca di Nixon dopo, avevano due nemici: la sinistra anti-guerra e la gente di colore. Capite cosa sto dicendo? Sapevamo che non potevamo rendere illegale essere contro la guerra o contro i neri, ma facendo in modo che il pubblico associasse gli hippy alla marijuana e i neri all’eroina, e poi criminalizzando entrambi pesantemente, potevamo distruggere quelle comunità. Potevamo arrestare i loro leader, fare irruzione nelle loro case, interrompere le loro riunioni, e diffamarli sera dopo sera al telegiornale della sera. Sapevamo che stavamo mentendo sulla droga? Certo che lo sapevamo“.

Ma di questi tempi le cose sono diverse. Il mondo è più progressista, giusto?

È importante notare che, attualmente, i neri e le minoranze sono ancora arrestati ad un tasso più alto dei bianchi per reati minori legati alla marijuana.

La NAACP riferisce che gli afroamericani e i bianchi usano droghe a tassi simili, ma che il tasso di imprigionamento degli afroamericani per accuse di droga è quasi 6 volte quello dei bianchi.

Riferiscono anche che gli afroamericani rappresentano il 12,5% dei consumatori di droghe illecite

Ma il 29% di quelli arrestati per reati di droga e il 33% di quelli incarcerati in strutture statali per reati di droga.

Bisogna capire che quando si tratta della vera natura della guerra alle droghe, essa si riferisce ad una storia oscura che ha radici profonde nel passato razzista della nazione

Comprendere il passato significa cambiare il futuro. Capito questo, non dobbiamo mai dimenticare.

La lotta per la legalizzazione della cannabis implica più che il diritto divino di una nazione a sballarsi, essa incarna la libertà di un popolo che ha sempre e solo conosciuto l’oppressione.

Carrello