Carrello
Tipi di erba

Tipi di erba: sativa, indica o ruderalis?

Condividi l'articolo!

Al mondo esistono centinaia di varietà di cannabis differenti. Il mercato offre, quindi, ai consumatori un’ampia scelta, anche se talvolta in questo modo può essere più complicato selezionare la varietà più adatta alle proprie esigenze. Secondo gli esperti di cannabis, esistono almeno 779 varietà diverse conosciute nel mondo. Tuttavia, non è possibile definire con certezza un numero assoluto, in quanto i diversi tipi di erba compaiono e scompaiono continuamente. Inoltre, non esiste alcun protocollo standardizzato per creare, nominare o registrare una nuova varietà. Pertanto non è possibile sapere con certezza quanti tipi di erba esistono davvero.

Nonostante ciò, nella cultura cannabica si riconoscono tre sottospecie di piante diverse: indica, sativa e ruderalis. Quali sono le caratteristiche di queste principali categorie e in che cosa si differenziano? Continuate a leggere per saperne di più!

Tipi di erba: le 3 sottospecie

I vari tipi di erba dipendono dalle diverse piante di cannabis sativa, indica e ruderalis. Queste specie possono anche essere incrociate tra loro per ottenere specifiche varietà, dalle caratteristiche uniche.

Le tre categorie appartengono al genere della angiosperme della famiglia delle Cannabaceae. Si tratta di piante erbacee a fusto, più o meno alte e cespugliose, che producono infiorescenze femminili contenenti diversi principi attivi, tra i quali i più famosi THC e CBD.

Sativa, indica e ruderalis si differenziano anche per l’area geografica di provenienza. La cannabis sativa ha origine in Thailandia, India, Messico e Colombia. La varietà indica, invece, è originaria della catena montuosa Hindyu Kush, situata tra India, Pakistan e Afghanistan. La cannabis ruderalis, infine, ha origine da alcune regioni dell’Asia e dell’Europa centrale ed orientale. Di seguito vedremo nello specifico quali sono le principali differenze tra le tre sottospecie.

Tipi di erba: Cannabis Indica

Tra i diversi tipi di erba, la cannabis indica è considerata uno dei ceppi più potenti disponibili in natura. Essa è usata principalmente per le coltivazioni indoor e idroponica e i suoi livelli di THC possono raggiungere il 25%, a seconda del metodo di coltivazione.

Il suo nome deriva dalla zona geografica in cui è stata scoperta da un botanico europeo, Jean-Baptiste Lamarck. Egli, infatti, la scoprì durante un viaggio in India nel 1785. Naturalmente i nativi del posto conoscevano già questa pianta, tuttavia per il mondo occidentale fu una novità.

Oggi questa varietà è molto diffusa soprattutto sotto forma di ibrido, per la produzione di cannabis legale a basso contenuto di THC.

Caratteristiche

Le principali caratteristiche della cannabis indica derivano proprio dalla zona geografica di provenienza. In particolare, oltre che dell’India, questa pianta è originaria anche del Pakistan, dell’Afghanistan e del Libano. Stiamo parlando dunque di località a nord e sud dell’equatore di circa 30-50 gradi.

In queste zone le ore di sole e di buio oscillano durante tutto l’anno. Pertanto le piante, per poter assorbire il maggior quantitativo possibile di luce, hanno assunto una forma particolare. Le foglie, infatti, sono particolarmente larghe e tozze (simili ad un ventaglio). La pianta non diventa altissima, ma risulta particolarmente bassa e folta e appena matura inizia subito a fiorire producendo cime dense e piene. I nodi dei rami sono simmetrici attorno al fusto e alternano l’orientamento a nord, sud, est e ovest man mano che la pianta cresce. I fiori, infine, si riuniscono in grappoli stretti con l’arrivo del freddo autunnale. Essendo fotodeterminata, la cannabis Indica comincia a fiorire con l’accorciarsi delle giornate.

La canapa Indica, quindi, è una varietà cespugliosa, che occupa poco spazio e inizia il processo di fioritura abbastanza velocemente. Un’ottima soluzione per i canapicoltori che hanno a disposizione una superficie limitata.

Effetti

La pianta di canapa Indica è famosa per possedere un’alta concentrazione di CBD. Pertanto risulta essere piuttosto sedativa e rilassante, ideale per apportare uno stato di benessere e relax generale al corpo.

In particolare riduce la tensione muscolarediminuisce le sensazioni di ansia e stress. Inoltre, aiuta ad aumentare l’appetito e la produzione di dopamina.

 

Tipi di erba

Tipi di erba: Cannabis Sativa

Originaria delle zone più interne dell’equatore, la cannabis sativa è probabilmente la varietà di canapa più conosciuta al mondo. Venduta sotto forma di cannabis light per l’utilizzo personale e utilizzata nel settore tessile ed industriale, si tratta di una varietà dalle mille risorse.

Caratteristiche

Per via della zona geografica di origine, in cui il sole picchia forte tutto l’anno, la cannabis sativa ha sviluppato una conformazione che la porta a raggiungere altezze anche molto elevate. Inoltre, queste piante iniziano il processo di fioritura solo dopo aver raggiunto il loro massimo.

Proprio a causa della loro costante crescita, anche una volta fiorite le piante non assumono un aspetto pieno e fitto come avviene nelle piante di canapa indica. Tuttavia, sia a causa delle dimensioni importanti che per il lungo periodo di fioritura, sono particolarmente produttive. Esse, infatti, possono dare un quantitativo addirittura superiore a 1,5 Kg per pianta, una volta essiccate.

Oltre all’intera pianta, anche le foglie assumono un aspetto longilineo. Infatti, al contrario delle varietà indica, la cannabis sativa non ha bisogno di allargarsi per poter assorbire maggiormente il potere della luce, visto e considerato che nell’equatore il sole c’è sempre in abbondanza.

Effetti

Analizzando componenti ed effetti della Canapa Sativa pura, possiamo dire che si tratta di un tipo di erba ad alto contenuto di THC e con una bassa percentuale di CBD.

L’effetto dato dalla sua assunzione è prevalentemente cerebrale: agisce prevalentemente sulla mente attraverso stati differenti che spaziano dalla percezione psichedelica allo stato creativo, in relazione alla sua potenza e alla concentrazione di principi attivi. I suoi effetti stimolanti ed energizzanti si traducono in particolar modo in euforia, creatività, e stimolazione dell’appetito, ma anche in stati d’animo positivi e alti livelli di concentrazione.

Tipi di erba

Tipi di erba: Cannabis Ruderalis

Nonostante anche le origini di questa tipologia di cannabis siano molto antiche, la riscoperta della canapa Ruderalis è piuttosto recente. In passato, infatti, questa varietà non è stata certamente valorizzata. Questo è dovuto al fatto che fosse considerata poco produttiva, dato che non si sviluppa come le altre specie. La cannabis ruderalis, infatti, al contrario dei tipi di erba illustrati precedentemente, non è destinata alla produzione di marijuana a causa del ridotto contenuto di THC e di CBD, irrilevanti sia in ambito medico che ricreativo. Normalmente il suo impiego è destinato agli incroci, per incrementare la robustezza della nuova pianta, facendo in modo che possa produrre infiorescenze in funzione dell’età e delle ore di luce disponibili.

Caratteristiche

Il cambio di rotta è avvenuto in seguito alla scoperta di una proprietà molto interessante. Le piante di canapa Ruderalis, infatti, sono in grado di auto-fiorire anche se non stimolate dalle variazioni del fotoperiodo, cioè indipendentemente dalle variazioni di luce.

Originaria della Russia e delle fredde zone della Siberia, si distingue per le caratteristiche piante dalle dimensioni ridotte che si attestano intorno a 0,5 m, per il fusto robusto e privo di ramificazioni laterali e per la presenza di cime di dimensioni irrilevanti, spesso addirittura assenti.

Per poter sopravvivere in zone caratterizzate da una scarsità di luce e da temperature rigide, queste piante sono mutate fino a diventare molto resistenti. Ciò significa che la loro coltivazione richiede meno sforzi per poter ottenere un buon prodotto.

Effetti

La canapa Ruderalis ha un contenuto di THC e CBD estremamente basso, al punto che anche se assunta pura al 100% è priva di effetti.

Per questo motivo viene utilizzata per creare piante ibride di erba legale o di canapa industriale, che possiedono la resistenza e la facoltà di auto-fiorire della Ruderalis e le proprietà di predominanza Indica o Sativa in base al risultato che si vuole ottenere.

 

tipi di erba

Conclusione

I principali tipi di erba sono molto diversi tra di loro, ognuno si distingue dall’altro per caratteristiche e proprietà. E’ per questo che dalla loro fusione vengono creati tanti ibridi dalle ottime qualità.

Oggi canapa Indica, Sativa e Ruderalis vengono coltivate e vendute in tutto il mondo pure, mixate o in forma leggera (come avviene con la marijuana legale). Pertanto caratteristiche ed effetti possono variare notevolmente da quelle delle piante originali.

Se sei un appassionato di cannabis, noi di CBD Therapy ti invitiamo a visitare il nostro store online, dove potrai trovare le più innovative varietà di cannabis light e tanti altri prodotti.

Cosa aspetti? Clicca qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]