Carrello
cbd e diabete

CBD e diabete: la cannabis può essere una cura?

Condividi l'articolo!

Il diabete è una patologia che colpisce quasi mezzo miliardo di persone in tutto il mondo. Solo in Italia, secondo l’Italian Barometer Diabetes Observatory, più di 3 milioni e mezzo di persone ne soffrono. Il dato più preoccupante è quello della crescita e della diffusione che questa malattia ha avuto negli ultimi vent’anni. Si tratta di una malattia cronica caratterizzata da un’elevata presenza di glucosio nel sangue, causata da una carenza di insulina. Questo provoca una scorretta trasformazione del cibo in energia e può portare a complicazioni gravi. Da qualche tempo la comunità scientifica ha iniziato ad interrogarsi sul fatto che la cannabis possa aiutare a prevenire o combattere il diabete. Questo grazie ai dati emersi dagli studi effettuati fino ad oggi, che sottolineano l’effetto positivo dei componenti della cannabis su questa patologia e sui sintomi ad essa associati. Gli esperti, infatti, sono convinti che ci sia una correlazione tra CBD e diabete.

Ma vediamo nello specifico di cosa si tratta!

Che cos’è il diabete

Come vi abbiamo accennato nel primo paragrafo, il diabete è una malattia metabolica, che riguarda cioè la capacità dell’organismo di dividere ed assimilare gli zuccheri. Questo compito è dato dall’insulina, un ormone che viene prodotto dalle cellule pancreatiche. I principali tipi di diabete sono 2:

  • Diabete di tipo I: il pancreas non produce insulina a causa della distruzione delle cellule che la producono. E’ necessario, quindi, iniettarla ogni giorno;
  • Diabete di tipo II: il pancreas produce insulina, ma le cellule dell’organismo non riescono ad utilizzarla.

Nel primo caso, generalmente i sintomi si manifestano abbastanza velocemente e questo permette di iniziare subito la terapia, senza la quale il soggetto colpito non potrebbe continuare a vivere. Il diabete di tipo I colpisce principalmente bambini e ragazzi.

Nel secondo caso, invece, la malattia colpisce soprattutto gli adulti e non mostra subito sintomi. Pertanto, il soggetto, per sapere se ne è affetto o meno, deve fare le analisi del sangue. Questa tipologia di diabete dipende molto dal proprio stile di vita. Ciò significa che uno stile di vita più sano può aiutare a prevenire o rallentare il diffondersi della malattia.

Cbd e diabete: cosa dice la scienza

Due delle principali proprietà del CBD sono quella antinfiammatoria e antidolorifica. La cannabis possiede dei composti molto simili a sostanze già prodotte dall’organismo umano, in grado di regolare funzioni basilari come l’umore, l’appetito, il sonno e il dolore.

Uno studio sui ratti ha dimostrato come il cannabidiolo sia in grado di ridurre il dolore ai nervi nel caso di osteoartrite, una malattia articolare multifattoriale. Diversi studi hanno confermato anche la capacità del CBD di ridurre il dolore continuativo.

Un altro studio ha dimostrato come il CBD sia in grado di ridurre l’infiammazione che segue l’insorgenza del diabete, causata da un’elevata presenza di glucosio. I dati hanno evidenziato la capacità del CBD di ridurre l’incidenza della patologia nei topi diabetici non obesi.

Tuttavia, pare che il CBD possa essere d’aiuto nel trattare il diabete, prevenendo il suo peggioramento. Gli scienziati hanno effettuato un esperimento sui topi, dimostrando come il CBD possa diminuire l’incidenza del diabete attraverso un meccanismo immunomodulatore che agisce sulla risposta immunitaria di particolari cellule.

Altre ricerche hanno dimostrato come la cannabis riduca sensibilmente il rischio di obesità, aiutando a prevenire l’insorgenza del diabete. Inoltre, il CBD trasforma il grasso cattivo in grasso buono, permettendo una più sana concentrazione di glucosio.

Olio CBD e diabete

Per capire se effettivamente il CBD possa aiutare a trattare la patologia, vi mostriamo i risultati di diversi studi di laboratorio e una ricerca clinica pubblicata su The American Journal of Medicine, che ha coinvolto quasi 5 mila persone affette da diabete mellito.

Di seguito vi sveliamo le evidenze più interessanti degli studi pre-clinici e clinici finora eseguiti:

  • Calo del 17% della resistenza all’insulina: lo studio ha dimostrato che il cannabidiolo aumenta il raggio d’azione di questo ormone. Questo rende l’olio al CBD un aiuto efficace per chi soffre di diabete di tipo 2, nonché uno strumento di prevenzione contro la malattia stessa;
  • L’olio di canapa riduce il senso di fame: il sovrappeso e l’obesità sono due dei maggiori fattori di rischio per il diabete. L’olio CBD si è rivelato, quindi, una sostanza importante in quanto aiuta a ridurre il senso di appetito;
  • Proprietà antidolorifiche e calmanti dell’olio di canapa: queste proprietà risultano molto efficaci nel combattere alcuni dei sintomi del diabete, come il dolore neuropatico, ma anche l’irrequietezza e l’ansia che talvolta accompagnano questa patologia;
  • Proprietà antinfiammatorie della cannabis: rappresentano un valido aiuto per contrastare le infiammazioni arteriose che affliggono molti malati di diabete;
  • Il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide: il CBD aiuta a potenziarne le funzioni e a renderlo, così, più efficace nel regolare il livello degli zuccheri nel sangue.

Grazie a queste ricerche, possiamo considerare l’olio al CBD una risorsa efficace per chi soffre di diabete, da affiancare (e non da sostituire) alle cure convenzionali, per aumentarne l’efficacia.

CBD e diabete: effetti collaterali

È stata pubblicata una revisione per spiegare quali sono stati i principali effetti collaterali registrati. In questa ricerca gli unici effetti (rari) emersi sono stati senso di stanchezza, cambiamenti di appetito e di peso, nausea e diarrea.

Naturalmente ci auguriamo che la ricerca prosegua per avere risposte più precise circa la correlazione tra CBD e diabete. Sicuramente questi primi studi suggeriscono un nuovo ed interessante utilizzo della cannabis medica.

Conclusioni

Noi di CBD Therapy ti aspettiamo nel nostro shop online, pronti a consigliarti e ad offrirti prodotti di alta qualità, naturali al 100%. Non aspettare, clicca qui!

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]