Infiammazione

L’infiammazione è la risposta principale del sistema immunitario alle lesioni e alle infezioni. È il modo in cui il corpo segnala al sistema immunitario di guarire e riparare i tessuti danneggiati, così come di difendersi dagli invasori stranieri, come virus e batteri.

Senza l’infiammazione come risposta fisiologica, le ferite si inasprirebbero e le infezioni potrebbero diventare mortali.

Tuttavia, se il processo infiammatorio va avanti troppo a lungo o se la risposta infiammatoria si verifica in luoghi dove non è necessaria, può diventare problematico.

L’infiammazione cronica è collegata ad alcune malattie come le malattie cardiache o l’ictus, e può anche portare a disturbi autoimmuni, come l’artrite reumatoide e il lupus. Ma una dieta e uno stile di vita sani possono aiutare a tenere l’infiammazione sotto controllo.

Infiammazione acuta

L’infiammazione acuta si verifica dopo un taglio cutaneo , una distorsione alla caviglia  o un mal di gola.

È una risposta a breve termine con effetti localizzati, il che significa che agisce nel punto preciso in cui esiste un problema. I segni rivelatori dell’infiammazione acuta includono rossore, gonfiore, calore e talvolta dolore e perdita di funzione, secondo la National Library of Medicine.

” In caso di infiammazione acuta, i vasi sanguigni si dilatano, il flusso sanguigno aumenta e i globuli bianchi sciamano nella zona ferita per promuovere la guarigione, ha detto il dottor Scott Walker, un medico di famiglia al Gunnison Valley Hospital nello Utah. Questa risposta è ciò che fa sì che la zona ferita diventi rossa e si gonfi.

“Durante l’infiammazione acuta, sostanze chimiche note come citochine vengono rilasciate dal tessuto danneggiato. Le citochine agiscono come “segnali di emergenza” che portano le cellule immunitarie del corpo, gli ormoni e le sostanze nutritive per risolvere il problema” ha detto Walker.

Inoltre, sostanze simili agli ormoni, note come prostaglandine, creano coaguli di sangue per guarire il tessuto danneggiato, e scatenano anche dolore e febbre come parte del processo di guarigione. Mentre il corpo guarisce, l’infiammazione acuta diminuisce gradualmente.

Infiammazione cronica

A differenza dell’infiammazione acuta, l’infiammazione cronica può avere effetti a lungo termine e su tutto il corpo.

L’infiammazione cronica è anche chiamata infiammazione persistente e di basso grado perché produce un livello costante e basso di infiammazione in tutto il corpo, come giudicato da un piccolo aumento dei marcatori del sistema immunitario trovati nel sangue o nei tessuti.

Questo tipo di infiammazione sistemica può contribuire allo sviluppo della malattia. Bassi livelli di infiammazione possono essere innescati da una minaccia interna percepita, anche quando non c’è una malattia da combattere o una ferita da guarire, e a volte questo segnala al sistema immunitario di rispondere.

” Di conseguenza, i globuli bianchi sciamano ma non hanno nulla da fare e nessun posto dove andare, e alla fine possono iniziare ad attaccare gli organi interni o altri tessuti e cellule sane “dice Walker.

I ricercatori stanno ancora lavorando per capire le implicazioni dell’infiammazione cronica sul corpo e i meccanismi coinvolti nel processo, ma è noto che gioca un ruolo nello sviluppo di molte malattie.

Per esempio, l’infiammazione cronica è stata collegata a malattie cardiache e ictus.

Una teoria suggerisce che quando le cellule infiammatorie rimangono troppo a lungo nei vasi sanguigni, promuovono l’accumulo di placca. Il corpo percepisce questa placca come una sostanza estranea che non appartiene, così cerca di muro fuori la placca dal sangue che scorre all’interno delle arterie, secondo l’American Heart Association (AHA).

Se la placca diventa instabile e si rompe, forma un coagulo che blocca il flusso di sangue al cuore o al cervello, innescando un attacco di cuore o un ictus.

Il cancro è un’altra malattia legata all’infiammazione cronica. Nel tempo, l’infiammazione cronica può causare danni al DNA e portare ad alcune forme di cancro, secondo il National Cancer Institute.

L’infiammazione cronica di basso grado spesso non ha sintomi, ma i medici possono testare per la proteina C-reattiva (CRP), un marcatore per l’infiammazione nel sangue.

Alti livelli di CRP sono spesso collegati con un aumento del rischio di malattie cardiache. I livelli di CRP possono anche indicare un’infezione o una malattia infiammatoria cronica, come l’artrite reumatoide o il lupus, secondo la Mayo Clinic.

Sintomi e Cause

I segni e i sintomi comuni dell’infiammazione sono :

  • Dolore
  • Rossore
  • Immobilità
  • Gonfiore
  • Calore

e formano l’acronimo in Inglese (PRISH)  che possono descrivere i maggiori sintomi dell’ Infiammazione Acuta.

Quando si tratta di infiammazione Cronica , non sempre i sintomi sono altrettanto evidenti, spesso insorgono quando la condizione associata si manifesta, dimostrando effetti come :

  • Depressione
  • Stanchezza
  • Dolore Articolare o Muscolare
  • Dolore Gastrointestinale

Spesso le Infiammazioni sono sintomo di una più grave malattia o condizione ( spesso legato all’intestino ) , alcuni esempi di causa riguardante l’infiammazione Cronica sono :

  • Allergie Alimentari e Ambientali
  • Problemi digestivi
  • Disturbi di Immunodeficienza
  • Tossine ambientali ( come metalli pesanti )
  • Squilibrio ormonale
  • Obesità
  • Alimentazione scorretta (Cibi Trattati , Zuccherini e Precotti )
  • Mancanza di Sonno
  • Stress emotivo e fisico

Terapie Convenzionali ed Effetti Collaterali

Spesso i sintomi dell’Infiammazione acuta vengono trattati con Farmaci Antinfiammatori non steroidei ( FANS ) esenti da prescrizione (Aspirina – Ibuprofene)

Tuttavia questi medicinali possono essere associati ad alcuni possibili effetti collaterali come :

  • Mal di stomaco
  • Vertigini
  • Acufene
  • Ipertensione
  • Insorgenza di Ulcere gastriche .

Inoltre per curare le Infiammazione vengono spesso prescritti corticosteroidi come il prednisone.

Che vengono assunte oralmente , innietate o applicate localmente, possono essere rimedi efficaci per un Infiammazione ma presentano seri rischi riguardando gli effetti collaterali, per Esempio :

  • Ipertensione
  • Edema (Ritenzione Idrica)
  • Osteoporosi
  • Cataratte
  • Aumento del peso
  • Disturbi della memoria .

Se lotti con l’infiammazione cronica, conosci l’impatto che può avere sul corpo.

Mentre la funzione principale della risposta infiammatoria del corpo è quella di proteggerci, l’effetto opposto può verificarsi se questa risposta infiammatoria continua.

Come possono aiutare i Cannabinoidi ?

La ricerca, costantemente in corso indica che il Cannabidiolo e gli oli CBD possono essere utili nel trattamento di condizioni infiammatorie senza effetti collaterali o complicazioni per la salute associati alle cure convenzionali , infatti l’elevato contenuto di acidi grassi omega 3 dell’olio di canapa è uno dei motivi a cui si deve la sua efficacia, infatti gli Omega 3 rallentano e inibiscono gli enzimi produttori di prostaglandine che causano l’infiammazione.

In uno studio pubblicato nel 2006 dall’ European Journal of Pharmacology , cercò di determinare l’effetto del cannabidiolo come trattamento per il dolore cronico infiammatorio e neuropatico in dei topi di laboratorio, dopo aver indotto dolore nei soggetti, sono  state somministrate delle dosi di CBD per via orale, e dopo una settimana di somministrazione continua , essi evidenziarono una riduzione del dolore e dell’infiammazione.

I Risultati  indicarono che il CBD può direttamente influire sui recettori cannabinoidi nel cervello ( CB1 e CB2) che aiutano a controllare il dolore.

Uno studio condotto presso il Centro medico dell’Università del Missisipi e Pubblicato in Free Radical Biology & Medicine Journal hanno mostrato che il cannabidiolo può essere utile nel ridurre l’impatto dell’infiammazione sullo stress ossidativo , entrambe note concomitanti di varie condizioni , come per esempio : Diabete di tipo 1 e 2 – Ipertensione – Artrite reumatoide – Aterosclerosi – Depressione – Alzheimer.

Sottostante troviamo un estratto di uno studio condotto sull’utilizzo dei Cannabinoidi come Antinfiammatori.

Condotto nel 2009 e pubblicato sul Giornale medico Future Med Chem , dai Dr. Prakash Nagarkatti, Rupal Pandey, Sadiye Amcaoglu Rieder, Venkatesh L Hegde, and Mitzi Nagarkatti

I cannabinoidi sono un gruppo di composti che mediano i loro effetti attraverso i recettori dei cannabinoidi.

La scoperta del Δ9-tetraidrocannabinolo (THC) come il principale principio psicoattivo della marijuana, così come l’identificazione dei recettori dei cannabinoidi e dei loro ligandi endogeni, ha portato a una crescita significativa della ricerca volta a comprendere le funzioni fisiologiche dei cannabinoidi.

I recettori dei cannabinoidi includono il CB1, che è espresso prevalentemente nel cervello, e il CB2, che si trova principalmente sulle cellule del sistema immunitario.

Il fatto che entrambi i recettori CB1 e CB2 siano stati trovati sulle cellule immunitarie suggerisce che i cannabinoidi giocano un ruolo importante nella regolazione del sistema immunitario.

Studi recenti hanno dimostrato che la somministrazione di THC nei topi ha innescato una marcata apoptosi nelle cellule T e nelle cellule dendritiche, con conseguente immunosoppressione.

Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che i cannabinoidi downregolano la produzione di citochine e chemochine e, in alcuni modelli, upregolano le cellule T-regolatorie (Tregs) come meccanismo per sopprimere le risposte infiammatorie.

Il sistema endocannabinoide è anche coinvolto nell’immunoregolazione.

Per esempio, la somministrazione di endocannabinoidi o l’uso di inibitori degli enzimi che scompongono gli endocannabinoidi, ha portato all’immunosoppressione e al recupero da lesioni immunomediate a organi come il fegato.

La manipolazione degli endocannabinoidi e/o l’uso di cannabinoidi esogeni in vivo può costituire una potente modalità di trattamento contro i disturbi infiammatori.

Come Utilizzare il Cannabidiolo per Contrastare l’Infiammazione ?

Il dosaggio raccomandato è da 3 a 45 mg. E’ possibile combinare CBDA e CBD con THC per colore che sono in grado di tollerare quest’ ultima sostanza. Evita l’automedicazione con THC, affidandoti alla guida di un medico Qualificato.

Spesso si possono utilizzare Pomate per uso topico e concentrati possono essere efficaci per condizioni infiammatorie della Pelle.

L’Olio con semi di canapa con Omega 3 ALA in aggiunta agli omega 3 marini EPA e DHA possono accentuare i benefici del trattamento.

A seconda del dosaggio e della persona se preso prima di dormire il CBD può rivelarsi eccitante oppure come riferiscono alcuni , Migliorare notevolmente la Qualità del sonno.

Il modo più sicuro per stabilire se gli estratti di canapa ti aiuteranno  ad addormentarti e a rimanere addormentato consiste nel titolare gocce o spray, così aumentando gradualmente la dose fino a ottenere l’esito desiderato.

Qualcuno trova più utile assumere il CBD al Mattino per i suoi effetti sul neurotrasmettitore serotonina, mentre altri ottengono risultati migliori prendendolo un’ ora prima di dormire.

L’olio di semi di canapa con Omega 3 ALA in aggiunta agli omega 3 marini accentuano i Benefici di questo trattamento

Inoltre, la dieta di una persona, abitudini di vita ed esposizioni ambientali possono contribuire all’infiammazione cronica. È importante mantenere uno stile di vita sano per tenere sotto controllo l’infiammazione.

Esito

Sta diventando sempre più chiaro che i recettori dei cannabinoidi e i loro ligandi endogeni giocano un ruolo cruciale nella regolazione del sistema immunitario.

E’ stato dimostrato che i cannabinoidi esogeni sopprimono le risposte immunitarie mediate dalle cellule T inducendo principalmente l’apoptosi e sopprimendo le citochine e le chemochine infiammatorie.

Tali osservazioni indicano che il targeting delle interazioni recettore-ligando dei cannabinoidi può costituire una nuova finestra di opportunità per trattare i disturbi infiammatori e autoimmuni.

Dato che i recettori CB2 sono espressi principalmente sulle cellule immunitarie, il targeting del CB2 può risultare in una immunomodulazione selettiva senza tossicità evidente.

Le sfide future per l’uso dei cannabinoidi come farmaci antinfiammatori includono la sintesi di agonisti dei recettori dei cannabinoidi che non siano psicoattivi con attività antinfiammatoria e l’identificazione del loro modo di azione.

Anche se gli studi attuali suggeriscono che i cannabinoidi sono agenti terapeutici utili nel trattamento di vari disturbi infiammatori

E’ necessaria un’ulteriore valutazione dei meccanismi che spiegano le loro proprietà antinfiammatorie.

Tali studi possono comportare l’uso di topi privi del recettore dei cannabinoidi e l’uso di composti specifici per il recettore.

Mentre la maggior parte degli studi si è concentrata in passato sull’effetto dei cannabinoidi sulle citochine, l’apoptosi e le funzioni delle cellule Th1, ulteriori indagini sul loro effetto sulle cellule Th17, le DC, le cellule NK, le cellule B e le cellule T regolatrici Fox-P3+ sono fondamentali

Poiché tali cellule giocano un ruolo importante nella regolazione e mediazione della risposta infiammatoria o autoimmune della malattia.

Se gli endocannabinoidi e i recettori dei cannabinoidi giochino un ruolo critico durante la normale risposta infiammatoria richiede ulteriori considerazioni.

Inoltre, la segnalazione dei recettori dei cannabinoidi e l’effetto dei cannabinoidi sulle molecole di adesione, le molecole co-stimolatrici e le chemochine richiedono ulteriori studi per aumentare la nostra comprensione dei cannabinoidi e dei loro intricati effetti sui disturbi del sistema immunitario.

Nel complesso, i cannabinoidi hanno mostrato un potenziale significativo per essere usati come nuovi agenti antinfiammatori

E il targeting specifico dei recettori CB2 promette di mediare effetti immunosoppressivi senza esercitare effetti collaterali psicotropi.

Gli studi condotti finora indicano che la principale funzione farmacologica del sistema endocannabinoide è nella neuromodulazione: controllo delle funzioni motorie, della cognizione, delle risposte emotive, dell’omeostasi e della motivazione.

Tuttavia, in periferia, questo sistema è un importante modulatore dell’ANS, del sistema immunitario e della microcircolazione.

Dunque i Cannabinoidi sono potenti agenti antinfiammatori

Ed esercitano i loro effetti attraverso l’induzione dell’apoptosi, l’inibizione della proliferazione cellulare, la soppressione della produzione di citochine e l’induzione di cellule T-regolatorie

Fonti : Earl Mindell – Olio di Canapa /”Cannabinoids as novel Anti-Inflammatory drugs” PMC 

Carrello