SONNO CBD

Sonno e CBD

Sonno e CBD

Hai problemi ad addormentarti? Ti sembra di aver provato ogni suggerimento, trucco e gadget per ottenere una notte di sonno riposante, eppure fai ancora fatica ad andare alla deriva?

O forse stai cercando qualcosa di diverso da bagni caldi, macchine per il rumore bianco e camomilla per aggiungere un po’ di varietà alla tua routine notturna di preparazione al letto.

Se questo è il caso, potresti considerare di provare la marijuana per aiutarti a dormire.

Marijuana, cannabis, erba, ganja; ci sono circa 1.200 parole diverse per descrivere una pianta che è usata sia per produrre fibre di canapa sia per creare un’esperienza psicotropa per chi fuma o ingerisce i suoi fiori profumati.

Gli scienziati stanno ancora cercando di capire esattamente cosa fa la marijuana al nostro cervello. Siamo sicuri che si stanno divertendo molto durante il processo di scoperta! Finora, sono stati in grado di determinare che i cannabinoidi contenuti nella cannabis coinvolgono una serie specifica di cellule cerebrali che hanno a che fare con le funzioni motorie, la memoria, il piacere, il dolore, la paura e l’umore.

Ci sono diversi cannabinoidi nella marijuana, ma i due più importanti sono:

  • Cannabidiolo (CBD) – questo è l’elemento responsabile di tutti i presunti benefici per la salute della marijuana. Non produce uno sballo.
  • Tetraidrocannabinolo (THC) – questo cannabinoide è psicotropo ed è ciò che causa la sensazione di sballo che gli utenti hanno quando consumano marijuana.

In questo articolo, rispondiamo alla domanda “l’erba aiuta l’insonnia?”, e discutiamo l’effetto che la marijuana ha sui cicli del sonno, e il modo migliore per consumarla a seconda della tua situazione e dei tuoi bisogni. Restate sintonizzati; potrebbe persino aiutare con l’apnea del sonno!

Uno dei principali benefici della marijuana è la sua capacità di aiutare le persone a rilassarsi, distendersi e de-stressarsi. Per questo motivo, è anche un aiuto naturale per il sonno.

Le persone che hanno difficoltà a spegnere il cervello o a lasciarsi alle spalle una giornata stressante possono trovare la marijuana particolarmente efficace per addormentarsi più velocemente.

La cannabis è anche nota per essere un efficace antidolorifico, quindi aiuta non solo le persone con stress o PTSD, e potrebbe anche fornire sollievo al sonno per chi soffre di dolore o mal di testa, e sta crescendo in popolarità e uso man mano che diventa più legale.

Un recente studio sui consumatori di cannabis mostra un aumento del 34% nel consumo di cannabis “subito prima di dormire” dalla prima alla seconda metà del 2020. Molte aziende di cannabis e CBD hanno creato varietà e prodotti specificamente pensati per il sonno. Con il forte aumento dello stress causato dal virus Covid-19, questo sviluppo non poteva arrivare in un momento migliore.

Dei due tipi di ceppi disponibili, Indica e Sativa, l’Indica è ampiamente considerata un aiuto migliore per indurre la sonnolenza.

La gente spesso indica la Granddaddy Purple come la preferita per farli addormentare, mentre la Sativa ha la reputazione di fornire più energia.

Una teoria dietro questa differenza di varietà ha a che fare con qualcosa chiamato “terpeni”. I terpeni sono i composti oleosi che si trovano nelle piante e che danno loro l’odore. Gli oli essenziali sono un terpene comunemente usato. L’odore ha uno scopo evolutivo per la pianta, sia per allontanare i predatori che per attirare l’impollinazione.

La cannabis contiene oltre 200 tipi diversi di terpeni, e molti sono associati a benefici terapeutici, come il sollievo dal dolore, il rilassamento muscolare e persino il bruciore di stomaco. E quell’odore puzzolente per cui la marijuana è così famosa? È il terpene chiamato Myrcene, che è noto per avere un effetto sedativo e anche antinfiammatorio.

Non dovrebbe sorprendere, quindi, che le varietà Indica sono spesso più ricche di mircene, il che spiega perché questo terpene stordisce le persone più spesso.

Il vino non è l’unica cosa che migliora con l’età. Anche la cannabis può diventare un aiuto per dormire più potente se viene lasciata da sola per un po’ a maturare. L’unico problema è che per rendere efficace questo trucco biologico, la marijuana deve seccare per un paio d’anni in un ambiente controllato e a bassa umidità.

Il motivo per cui funziona è che il THC si degrada nel tempo e viene sostituito dal cannabinolo, che è drammaticamente più sedativo. Tuttavia, il processo richiede anni, quindi a meno che non siate molto pazienti o abbiate una connessione con un coltivatore o un dispensario con questo tipo di erba disponibile, sarete bloccati solo con la roba fresca.

La marijuana ha ancora un’altra somiglianza con il vino.

Consumatene troppo la sera prima, e sarete destinati a svegliarvi con un mal di testa e una sensazione di disidratazione. Potresti anche sperimentare congestione, occhi secchi e intontimento.

Il consumo eccessivo non è l’unica cosa che può causare questo effetto post-sbornia. Anche il consumo di cannabis di qualità inferiore o di marijuana coltivata con pesticidi può causare questi sintomi. Combattere questa condizione è lo stesso che se andaste in discoteca con l’intenzione di bere mezza bottiglia di tequila. Assicuratevi di bere molta acqua, di mangiare cibi sani e di fare del vostro meglio per assicurarvi di fare molto esercizio fisico regolare.

Anche se è stato dimostrato che la marijuana aumenta la quantità di tempo trascorso nelle fasi di sonno profondo, ha un prezzo. L’aumento di queste fasi equivale a meno tempo nella fase REM (rapid eye movement). La fase REM è quella in cui avvengono i sogni.

Per le persone che soffrono di PTSD, possono essere sollevate di ottenere una tregua dagli incubi. Tuttavia, gli scienziati mettono in guardia contro gli effetti a lungo termine del giocare con l’equilibrio del cervello. Si ritiene che la fase REM aiuti la formazione dei ricordi e il mantenimento di un sano equilibrio chimico nel cervello.

Se sei un consumatore di cannabis a lungo termine e smetti improvvisamente di consumare, è probabile che tu sperimenti un drammatico aumento del sonno REM. Questo viene definito un rimbalzo REM e significa che il corpo è sempre alla ricerca dell’equilibrio.

Finora sono stati fatti solo piccoli studi, ma le prime prove suggeriscono che il THC nella marijuana (tetraidrocannabinolo) regola i livelli di serotonina nel cervello, che a sua volta può anche stabilizzare i modelli di respirazione.

Le implicazioni di questi studi sono che la cannabis potrebbe essere un potenziale trattamento per l’apnea del sonno, un disturbo notturno che colpisce più di 20 milioni di americani. L’apnea del sonno è una condizione che fa sì che qualcuno smetta di respirare numerose volte durante la notte. Il corpo si sveglia per riavviare la respirazione. Come si può immaginare, questo presenta un grande ostacolo quando si tratta di ottenere una notte di riposo completo.

Anche se non forma l’abitudine, qualsiasi aiuto per il sonno che si interrompe può avere un effetto dannoso sulle abitudini del sonno. Quindi, se vi siete abituati a consumare marijuana per aiutarvi ad addormentarvi, e poi improvvisamente smettete, non siate sorpresi se scoprite che vi ci vuole più tempo per addormentarvi.

Ogni notte, il nostro corpo cicla più volte attraverso cinque diverse fasi del sonno, il CBD e La marijuana ha un effetto diverso su ciascuna di esse.

Nel primo stadio, non ci rimaniamo a lungo, forse 7-10 minuti al massimo. Poiché questo è lo stadio in cui siamo finalmente rilassati dopo una giornata lunga e stressante, la cannabis può avere un effetto positivo su questo stadio, permettendoci di arrivarci più rapidamente e di passare senza sforzo alla parte successiva del ciclo.

Il secondo stadio è ancora un sonno leggero, e possiamo essere svegliati facilmente se c’è un rumore o un disturbo esterno. L’erba ha pochissimo effetto su questo stadio.

Gli stadi tre e quattro sono combinati e classificati come sonno profondo. Sono entrambi responsabili della riparazione dei tessuti e del recupero. Poiché la marijuana prolunga la durata di questi cicli, lo consideriamo un effetto positivo e può aiutare il corpo ad accelerare la guarigione.

La fase finale è il sonno REM. L’abbreviazione sta per Rapid Eye Movement, ed è caratterizzato da rapidi movimenti dell’occhio sotto la palpebra. E’ lo stadio in cui avviene il sogno. La cannabis è nota per accorciare questa fase, riducendo la frequenza dei sogni. Gli effetti a lungo termine di questo non sono completamente noti e potrebbero essere potenzialmente problematici.

Il CBD aiuta il sonno in due modi:

  • Aiuta a ridurre il dolore cronico, rendendo più facile per le persone addormentarsi e rimanere addormentate.
  • Riduce la sonnolenza diurna e aiuta le persone a rimanere vigili durante il giorno. A sua volta, questo regola il ciclo sonno-veglia.

Il THC ed il CBD contribuisce alla sonnolenza, che inizialmente può essere un utile aiuto per il sonno.

Tuttavia, l’uso prolungato mostra che il corpo sviluppa una tolleranza al THC, diminuendo il suo effetto e potenzialmente anche interrompendo il sonno più tardi.

Ci sono un sacco di consigli là fuori per ottenere una migliore notte di riposo. Tuttavia, considerando i benefici medici e terapeutici ampiamente conosciuti della marijuana, questo è probabilmente uno dei modi più divertenti e creativi per addormentarsi che abbiamo incontrato nella nostra ricerca.

Carrello