cannabis e morbo di crohn

Cannabis e Morbo di Crohn: l’efficacia dei cannabinoidi

Condividi l'articolo!

Il morbo di Crohn è una forma complessa di malattia infiammatoria intestinale (IBD) che rappresenta una sfida significativa sia per i pazienti che per i medici. In questo contesto, la cannabis medica ha iniziato ad essere riconosciuta come una possibile alternativa o complemento ai trattamenti tradizionali, che spesso includono farmaci anti-infiammatori, immunosoppressori e biologici. La cannabis, infatti, da anni viene studiata per le sue proprietà anti-infiammatorie, analgesiche e antiemetiche. L’interesse per la cannabis come trattamento per il morbo di Crohn è sostenuto da una serie di studi clinici e preclinici.

In questo articolo, vedremo quali sono le evidenze scientifiche a sostegno della correlazione tra cannabis e Morbo di Crohn e quali sono i potenziali effetti benefici.

Cos’è il Morbo di Crohn?

Il morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica dell’intestino (IBD) che può colpire qualsiasi parte del tratto gastrointestinale, dalla bocca all’ano, ma colpisce più comunemente la fine dell’intestino tenue (ilileo) e l’inizio del colon. La malattia è caratterizzata da un’infiammazione che può variare in intensità lungo tutto il tratto intestinale e può penetrare in profondità nelle pareti dell’intestino. Inoltre, può manifestarsi in fasi di attività (fasi attive) e remissione, con periodi in cui i sintomi si aggravano e altri in cui si attenuano, rendendo la gestione a lungo termine particolarmente difficile.

Nonostante le cause esatte del morbo di Crohn siano tutt’oggi sconosciute, la ricerca ha identificato diversi fattori di rischio che possono contribuire al suo sviluppo. Oltre alla genetica, dove più di 70 geni sono stati associati alla malattia, fattori ambientali come il fumo di sigaretta, diete ad alto contenuto di grassi e zuccheri raffinati, e l’uso eccessivo di antibiotici, possono alterare la flora intestinale e aumentare il rischio di sviluppare questa condizione. Questi elementi possono interagire con un sistema immunitario già sensibile, scatenando una risposta infiammatoria che diventa patologica.

Sintomi

I sintomi del morbo di Crohn possono variare notevolmente a seconda della gravità e della localizzazione dell’infiammazione. In genere includono:

  1. Dolore addominale e crampi: spesso intensi, possono essere accompagnati da una sensazione di pienezza o distensione addominale;
  2. Diarrea severa: l’infiammazione può compromettere la capacità dell’intestino di assorbire acqua e nutrienti, provocando feci frequenti e acquose;
  3. Perdita di peso e malnutrizione: l’infiammazione e i danni all’intestino possono ridurre l’assorbimento di nutrienti essenziali, causando perdita di peso e carenze nutrizionali;
  4. Febbre e fatica: sono sintomi comuni e possono essere segno di infiammazione o infezione;
  5. Sanguinamento rettale: a volte, le ulcere possono svilupparsi lungo il tratto infiammato, causando sanguinamento;
  6. Complicazioni extra-intestinali: queste  includono ad esempio artrite, malattie della pelle, infiammazione degli occhi, e malattie del fegato.

Oltre agli evidenti sintomi fisici, il Morbo di Crohn può avere un profondo impatto psicosociale. I pazienti, infatti, spesso sperimentano ansia e depressione dovute alla natura cronica della malattia e al timore delle ricadute. La necessità di frequenti visite mediche, procedure diagnostiche invasive e la possibile stigmatizzazione legata ai sintomi possono influenzare negativamente l’autostima e le relazioni interpersonali.

Trattamenti

Nel trattamento del Morbo di Crohn, la personalizzazione delle terapie è fondamentale, data la varietà dei sintomi e la diversa risposta ai trattamenti. L’approccio inizia normalmente con trattamenti meno invasivi e procede verso opzioni più aggressive, a seconda dei casi.

Il trattamento mira principalmente a ridurre l’infiammazione, gestire i sintomi e prevenire le complicanze. Questo può includere l’uso di farmaci anti-infiammatori, immunosoppressori, biologici e, in alcuni casi, la chirurgia per rimuovere le parti danneggiate dell’intestino.

Cannabis e Morbo di Crohn: proprietà terapeutiche dei cannabinoidi

La correlazione tra cannabis e Morbo di Crohn è sostenuta da una crescente base di evidenze scientifiche che esplorano come i cannabinoidi influenzino le dinamiche biologiche del corpo umano. L’efficacia del THC e del CBD nel modulare i sintomi di questa malattia può essere in gran parte attribuita alla loro interazione con il sistema endocannabinoide, che gioca un ruolo cruciale nella regolazione dell’equilibrio omeostatico, compresa la risposta immunitaria e l’infiammazione.

Il THC, noto per le sue potenti proprietà psicoattive, possiede anche capacità analgesiche e anti-infiammatorie che possono essere particolarmente utili nel gestire il dolore cronico e l’infiammazione associati al Morbo di Crohn. Il THC agisce principalmente legandosi ai recettori CB1 e CB2 del sistema endocannabinoide, che sono presenti in tutto il corpo, inclusi il cervello e il tratto gastrointestinale. Questa interazione può favorire la riduzione della percezione del dolore e calmare l’infiammazione.

Il CBD, che non è psicoattivo, interagisce con il sistema endocannabinoide in modo più indiretto rispetto al THC. Sono state ampiamente dimostrate le sue proprietà immunomodulatorie, agendo su vari recettori cellulari e enzimatici che influenzano l’infiammazione e l’immunità. Studi recenti suggeriscono che il CBD potrebbe ridurre l’infiammazione bloccando specifici recettori che attivano le risposte infiammatorie e aumentando la produzione di composti naturali del corpo che combattono l’infiammazione.

Inoltre, la combinazione di THC e CBD può offrire un effetto entourage, in cui la presenza di entrambi i composti migliora l’efficacia dell’altro nella gestione dei sintomi. Questo effetto sinergico può essere particolarmente vantaggioso nel trattamento del Morbo di Crohn, dove la regolazione di più aspetti dell’infiammazione e della risposta immunitaria è essenziale.

Tuttavia, nonostante il potenziale promettente, è essenziale ulteriori studi per determinare le dosi ottimali, i metodi di somministrazione e i regimi di trattamento per massimizzare i benefici della cannabis nel trattamento di questa patologia.

Cannabis e Morbo di Crohn: studi clinici

Le evidenze cliniche riguardanti l’uso della cannabis nel trattamento del Morbo di Crohn sono ancora in fase di sviluppo. Tuttavia alcuni studi hanno iniziato a delineare il potenziale di questa sostanza come trattamento complementare.

Uno degli studi più noti, pubblicato nel “Journal of Clinical Gastroenterology” nel 2011, ha esaminato un piccolo gruppo di pazienti con Morbo di Crohn resistente ai trattamenti tradizionali. I partecipanti hanno ricevuto cannabis per un periodo di tre mesi, e i risultati hanno mostrato una significativa riduzione dei sintomi e un miglioramento generale della qualità della vita.

Uno studio pilota del 2013, pubblicato su “Pharmacology”, ha anche suggerito che il CBD, uno dei principali componenti non psicoattivi della cannabis, potrebbe aiutare a ridurre la frequenza delle recidive nei pazienti con morbo di Crohn. Questi risultati preliminari hanno indicato una possibile efficacia del CBD nel ridurre l’infiammazione intestinale e nel promuovere la remissione.

Altri studi, come quello pubblicato nel “Clinical Gastroenterology and Hepatology” nel 2013, hanno confermato questi risultati, mostrando che il consumo di cannabis potrebbe ridurre l’attività della malattia e migliorare l’appetito nei pazienti affetti.

L’implicazione di questi studi è che la cannabis non solo potrebbe ridurre i sintomi direttamente attraverso le sue proprietà anti-infiammatorie e analgesiche, ma potrebbe anche offrire una strategia di riduzione dell’uso di farmaci convenzionali, che sono spesso associati a effetti collaterali a lungo termine e a volte debilitanti. Ad esempio, l’uso prolungato di corticosteroidi può portare a complicazioni come l’osteoporosi, il diabete e l’aumento della suscettibilità alle infezioni.

In conclusione

Nonostante questi risultati promettenti, è importante notare che la ricerca sulla cannabis come trattamento per il Morbo di Crohn è ancora agli inizi. Gli studi finora condotti sono stati limitati da campioni di piccole dimensioni e da una mancanza di studi di controllo randomizzati. Pertanto, mentre l’uso della cannabis potrebbe offrire benefici significativi per alcuni pazienti, è essenziale che ulteriori ricerche siano condotte per confermare questi risultati e per stabilire linee guida chiare per il suo uso sicuro ed efficace.

Questo articolo è puramente informativo e non deve essere considerato un consiglio terapeutico. I prodotti menzionati non sono da considerarsi medicinali o sostitutivi di essi.

Ti aspettiamo nel nostro cannabis shop, con tanti prodotti di qualità e offerte settimanali esclusive!

DOMANDE FREQUENTI

Cosa peggiora il morbo di Crohn?

Il Morbo di Crohn è una malattia complessa e la sua gravità e sintomi possono variare da persona a persona. Alcuni fattori che possono peggiorarla includono:

  1. Alimentazione: alcuni cibi, come quelli piccanti, latticini, fritti, alimenti ad alto contenuto di fibre, possono scatenare o peggiorare i sintomi del morbo di Crohn;
  2. Stress: lo stress emotivo può contribuire al peggioramento dei sintomi. Gestire lo stress attraverso tecniche di rilassamento come la meditazione, lo yoga o la terapia può essere utile;
  3. Fumo: il fumo di sigaretta è stato associato a un aumento del rischio di sviluppare il morbo di Crohn e può anche peggiorare i sintomi in coloro che hanno già la malattia;
  4. Farmaci: alcuni farmaci, come gli anti-infiammatori non steroidei (FANS) e gli antibiotici, possono aggravare i sintomi del Morbo di Crohn;
  5. Infezioni: le infezioni intestinali possono causare un’infiammazione aggiuntiva e peggiorare i sintomi della malattia.

È importante consultare un medico per una valutazione completa e un piano di trattamento personalizzato.

Come calmare il morbo di Crohn?

Calmare il Morbo di Crohn può richiedere un approccio multifattoriale che coinvolge diversi cambiamenti nello stile di vita:

  1. Seguire una dieta specifica;
  2. Evitare cibi irritanti;
  3. Limitare lo stress;
  4. Fare attività fisica regolare;
  5. Assicurare un sonno adeguato;
  6. Evitare fumo di sigaretta e alcol;
  7. Assicurare un’adeguata idratazione;
  8. Seguire il piano di trattamento prescritto dal medico;
  9. Monitorare i sintomi;
  10. Partecipare a gruppi di supporto.
🗒

Cronologia revisioni

Lascia un commento