olio cbd gatto effetti collaterali

Olio CBD gatto effetti collaterali

Condividi l'articolo!

Olio CBD gatto effetti collaterali

L’uso della cannabis terapeutica è un argomento che ha suscitato grande interesse negli ultimi anni. Non si parla solo di benefici per gli esseri umani, ma anche per gli amici a quattro zampe. Gli studi, infatti, hanno dimostrato che l’olio CBD in particolare, può essere un valido aiuto per i gatti per migliorare il loro stato di benessere generale. In questo articolo esploreremo le potenziali applicazioni del cannabidiolo per i gatti, ma anche gli effetti collaterali che potrebbe provocare, basandosi sulle ricerche scientifiche attuali.

Cos’è l’olio CBD

L’olio di CBD, o olio di cannabidiolo, è un prodotto naturale estratto dalla pianta di cannabis. Il cannabidiolo è solo uno dei numerosi composti attivi, noti come cannabinoidi, presenti nella pianta. A differenza del suo più noto correlato, il tetraidrocannabinolo (THC), il CBD è notevolmente diverso nella sua chimica e nel suo impatto sull’organismo.

Una delle distinzioni più importanti del CBD, infatti, è la sua mancanza di effetti psicoattivi. A differenza del THC, che è responsabile dell’effetto “sballo” comunemente associato alla cannabis, il CBD non altera la percezione o lo stato di coscienza. Questa caratteristica rende l’olio CBD una scelta ideale per coloro che cercano i benefici terapeutici della cannabis senza gli effetti psicoattivi.

Il CBD è estratto dalla pianta di cannabis utilizzando vari metodi, tra cui l’estrazione con CO2 e l’estrazione con solventi. Il metodo di estrazione può influenzare la purezza e la qualità del prodotto finale. Quest’ultima, infatti, può variare significativamente a seconda del produttore e del processo di estrazione. È importante scegliere prodotti di alta qualità, idealmente testati da laboratori indipendenti per la purezza e la concentrazione di CBD.

Proprietà terapeutiche

Il CBD è noto per le sue potenziali proprietà terapeutiche, sostenute da numerosi studi scientifici:

  • Antinfiammatorio: il CBD è noto per le sue proprietà antinfiammatorie, rendendolo utile nel trattamento di una varietà di condizioni infiammatorie croniche, come l’artrite o alcune forme di dolore cronico;
  • Effetti calmanti: grazie ai suoi effetti calmanti, il cannabidiolo può aiutare a gestire l’ansia e lo stress. Questo lo rende un potenziale trattamento per varie condizioni legate all’ansia;
  • Altri benefici potenziali: la ricerca sostiene che il CBD possa avere benefici in diverse aree terapeutiche, inclusi il sollievo dal dolore, il trattamento di alcuni disturbi neurologici e potenzialmente anche effetti benefici nella lotta contro alcune forme di cancro, sebbene questo richieda ulteriori studi.

Benefici del CBD per i gatti

La ricerca scientifica ha rivelato che il CBD per i gatti potrebbe essere benefico. Basandosi su ricerche condotte sugli esseri umani e sugli animali da laboratorio, è stato suggerito che il CBD possa avere un impatto positivo in particolare nel trattamento del dolore e dell’infiammazione negli animali domestici. Queste condizioni sono comuni nei gatti che soffrono, ad esempio, di problemi come l’artrite e l’ansia, che possono compromettere significativamente la loro qualità della vita.

L’olio di CBD per i gatti potrebbe rappresentare un’alternativa naturale per mitigare questi disagi, contribuendo a migliorare il benessere generale dei nostri amici a quattro zampe.

Cosa dice la scienza 

Uno studio recente ha esplorato l’effetto analgesico dell’olio di CBD (0,5 mg/kg) somministrato per 30 giorni ad un gatto affetto da dolore cronico. Il caso studio ha riportato esiti positivi sia per l’animale che per il suo proprietario.

L’impiego del CBD nei gatti è oggetto di interesse anche nel trattamento dell’epilessia. Le ricerche, infatti, hanno indicato che il CBD potrebbe contribuire a diminuire la frequenza e l’intensità delle crisi epilettiche, migliorando così la vita dei gatti affetti da tale disturbo.

Inoltre, diversi studi suggeriscono che il CBD potrebbe avere effetti benefici sul comportamento dei gatti, aiutando a ridurre ansia e stress e, di conseguenza, a migliorare il loro benessere emotivo. Tuttavia, mancano ancora studi specifici sui felini in questo ambito.

Infine, una revisione scientifica recente di Yu e Rupasinghe (2021) ha passato in rassegna gli ultimi progressi nell’uso del CBD per la gestione di ansia, dolore e infiammazione negli animali domestici, compresi i gatti. Questo studio ha evidenziato il potenziale del CBD in queste aree, ma ha anche sottolineato la necessità di ulteriori ricerche per confermare la sua sicurezza ed efficacia nei gatti.

Olio CBD gatto effetti collaterali e siurezza

Abbiamo visto come l’olio CBD può offrire benefici terapeutici, tuttavia è fondamentale considerare anche i potenziali effetti collaterali quando viene somministrato ai gatti. La sensibilità individuale e le reazioni possono variare, quindi è essenziale monitorare da vicino il proprio animale domestico durante l’uso di CBD.

Riguardo alla sicurezza e alla tolleranza del CBD nei gatti, un’indagine della Canopy Growth Corporation ha rivelato che il CBD è generalmente ben tollerato dai felini e comporta pochi effetti collaterali. Inoltre, un’analisi scientifica svolta da Wang et al. (2022) ha esaminato la farmacocinetica del cannabidiolo in gatti, impiegando un olio di canapa arricchito di CBD e acido cannabidiolico (CBDA). Questo studio ha rilevato un’efficace assorbimento di CBD e CBDA nei gatti, con livelli plasmatici ideali raggiunti entro le 24 ore dalla somministrazione.

Effetti collaterali digestivi

I potenziali effetti collaterali dell’olio CBD per gatti riguardano anche l’apparato digestivo. La somministrazione di olio CBD, infatti, può influenzare l’appetito nei gatti. Mentre alcuni potrebbero mostrare una riduzione dell’appetito, altri potrebbero avere un aumento dell’appetito. Questi cambiamenti possono portare a variazioni nel peso corporeo, che dovrebbero essere monitorate attentamente.

Inoltre, alcuni gatti potrebbero sperimentare problemi gastrointestinali, come diarrea o vomito. Questo potrebbe essere dovuto a una reazione al CBD o ai veicoli usati nell’olio, come oli vettori o additivi.

Effetti collaterali comportamentali

La letargia, o sonnolenza eccessiva, è uno degli effetti collaterali più comuni del CBD nei gatti. Questo si verifica solitamente quando il dosaggio è troppo elevato.

Sebbene sia meno comune, alcuni gatti possono mostrare segni di nervosismo o agitazione dopo l’assunzione di olio CBD, causato da una sensibilità eccessiva al CBD o da una reazione al dosaggio.

Interazioni con altri farmaci

Il CBD può influenzare il metabolismo di altri farmaci. Questo è particolarmente rilevante per i gatti che assumono farmaci regolari, poiché il CBD può alterare l’efficacia o aumentare gli effetti collaterali di questi farmaci.

Per questo motivo, è essenziale consultare un veterinario prima di iniziare un trattamento a base di CBD, soprattutto se il gatto è già in cura per altre condizioni.

Effetti a lungo termine

La ricerca sugli effetti a lungo termine del CBD nei gatti è ancora agli inizi. Pertanto, è difficile prevedere eventuali effetti collaterali a lungo termine o l’impatto sulla salute generale del gatto.

I proprietari di animali che scelgono di usare l’olio CBD dovrebbero monitorare attentamente il comportamento e la salute generale dei loro gatti nel tempo, per identificare eventuali cambiamenti o effetti collaterali.

Olio CBD gatto effetti collaterali: in conclusione

L’olio CBD può avere numerosi benefici benefici per i gatti, tuttavia è fondamentale procedere con cautela, tenendo conto dei potenziali effetti collaterali e delle interazioni farmacologiche. La consultazione con un veterinario qualificato è cruciale per determinare la sicurezza e l’efficacia dell’olio CBD per il proprio animale domestico.

Non ci resta che attendere ulteriori ricerche scientifiche a riguardo!

 

 

FAQ

Gli effetti collaterali più rilevanti del cannabidiolo (CBD), secondo gli studi, includono:

  1. Fatica o sonnolenza: comune, soprattutto a dosi elevate;
  2. Cambiamenti dell’appetito: possibile aumento o diminuzione dell’appetito;
  3. Diarrea: alcuni utenti possono sperimentare disturbi gastrointestinali;
  4. Variazioni di peso: potenziale perdita o aumento di peso;
  5. Irritabilità e cambiamenti d’umore: raro, ma possibile irritabilità o altri cambiamenti d’umore.

La via più comune per somministrare l’olio di CBD ai gatti, secondo gli studi, è per via orale. Puoi farlo in diversi modi:

  • Gocce sotto la lingua: usa un contagocce per mettere le gocce direttamente sotto la lingua del gatto;
  • Mescolato al cibo: aggiungi l’olio di CBD al cibo del gatto. Assicurati che il cibo sia appetitoso in modo che il gatto lo consumi completamente.

Ecco una panoramica dei tempi approssimativi di azione del CBD secondo gli studi, per diverse modalità di assunzione:

  1. Assunzione Orale:
    • Inizio d’azione: 30 minuti – 2 ore
    • Effetto completo: 2-6 ore
  2. Inalazione:
    • Inizio d’azione: entro pochi minuti
    • Durata degli effetti: 1-3 ore
  3. Applicazione topica:
    • Inizio d’azione: 15-45 minuti
    • Durata degli effetti: diverse ore (localizzati)
  4. Assunzione sublinguale:
    • Inizio d’azione: 15-30 minuti
🗒

Cronologia revisioni

📖 Fonti Scientifiche e Bibliografia

Lascia un commento