Carrello
sapone di canapa

Sapone di canapa: un’alternativa naturale

Condividi l'articolo!

Negli ultimi anni, a causa della lavorazione industriale eccessiva dei prodotti, le allergie sono aumentate drasticamente. La cura della pelle, in particolar modo, è una priorità per la nostra salute e l’uso quotidiano di saponi, detergenti, trucchi, può essere nocivo. Sappiamo oramai che la canapa è una delle piante più versatili del mondo e ultimamente viene utilizzata in moltissimi campi, dall’edilizia alla cosmetica, dall’alimentare alla medicina. Uno degli ultimi esperimenti è proprio nel campo della cosmesi. Avete mai sentito parlare del sapone di canapa? Un prodotto naturale al 100% che si può tranquillamente fare in casa.

Continuate a leggere per saperne di più!

Cos’è il sapone di canapa?

Il sapone di canapa offre un’alternativa nettamente più sicura a tutti quei detergenti in commercio. Si tratta, infatti, di un sapone naturale al 100%, assolutamente privo di coloranti, conservanti e sostanze chimiche. Questo sapone detergente contiene una miscela di oli idratanti naturali. I semi di canapa contengono acidi grassi omega 3 e omega 6, hanno proprietà anti-invecchiamento e favoriscono la guarigione e la riparazione della pelle.

E’ un sapone delicato, ideale per tutti i tipi di pelle, ma in particolare per quelle sensibili che presentano irritazioni come acne, psoriasi, eczema, dermatiti e scottature. Essendo costituito per lo più da olio di canapa sativa CBD, che favorisce il ricambio cellulare, il sapone di canapa è ricco di elementi non solo nutrienti, ma anche dermolenitivi e purificanti. Esso dona alla pelle morbidezza, protezione ed elasticità.

Il sapone di canapa, inoltre, è un’ottima fonte di vitamina D ed E, essenziali per prevenire la desquamazione cutanea e lo squilibrio idrolipidico, oltre che l’invecchiamento delle cellule dell’epidermide.

Sapone di canapa: benefici

Nel paragrafo precedente vi abbiamo accennato alcune delle proprietà benefiche del sapone di canapa. Di seguito vi elenchiamo tutte le qualità curative di questo meraviglioso prodotto:

  • Guarisce le scottature
  • Accelera i processi di rigenerazione cutanea
  • Cicatrizza
  • E’ utile contro l’acne
  • Allevia il dolore da ustioni
  • Aiuta a curare le rughe, rallentando i segni dell’invecchiamento
  • Riduce i segni delle smagliature
  • Nutre e protegge la pelle danneggiata
  • Riduce la pelle secca, la desquamazione e le screpolature
  • Aiuta in presenza di psoriasi o di eczema

Il sapone di canapa può essere puro oppure combinato con altri oli o altre sostanze, sempre naturali. Ad esempio si può mescolare con l’olio di oliva, per un potere lavante delicato e nutriente, oppure con l’olio di cocco, per un’azione dermolenitiva accentuata, o con olio di Melaleuca, per un effetto purificante ed antibatterico.

Per una nutrizione extra, si può usare unito al burro di karitè o di aloe vera, pianta conosciuta per le sue notevoli proprietà lenitive. L’unione con olio di Neem e calendula, infine, è indicato per le pelli che soffrono di acne o per un’epidermide particolarmente sensibile e arrossata.

Come preparare il sapone di canapa

Ad oggi in commercio potete trovare facilmente il sapone di canapa. Tuttavia, c’è la possibilità anche di prepararlo in casa e di seguito vi sveleremo come.

Materiale necessario:

  • Occhiali protettivi
  • Guanti resistenti ai prodotti chimici
  • Bilancia da cucina
  • Bicchiere graduato
  • Due grandi pentole in acciaio
  • Termometro da cucina
  • Cucchiaio di legno
  • Frusta
  • Stampi da torta in silicone

Ingredienti:

  • 340 ml di acqua fredda
  • 125 g di idrossido di sodio (soda caustica o liscivia) in scaglie
  • 225 g olio di semi di canapa
  • 275 g olio di cocco biologico pressato a freddo
  • 175 g burro di karitè africano
  • 225 g olio extravergine di oliva
  • 1/4 cucchiaino di estratto di vitamina E
  • Profumi, oli essenziali, elementi decorativi

Quando si lavora con sostanze potenzialmente pericolose come la liscivia, è fondamentale la sicurezza. L’idrossido di sodio è pericoloso, pertanto assicuratevi di indossare protezioni per occhi e mani. Inoltre, fate attenzione ad aggiungere sempre la liscivia all’acqua, mai l’acqua alla liscivia.

Preparazione

1. Innanzitutto indossate le protezioni per occhi e mani. Riempite il vostro misurino con l’acqua e lentamente aggiungete la liscivia. Agitate delicatamente la miscela ed assicuratevi che sia completamente sciolta. Infine lasciate raffreddare la soluzione in un luogo sicuro;

2. Scaldate leggermente il burro di karitè, gli oli di canapa e di cocco in una casseruola, partendo dal grasso più solido fino ad aggiungere i liquidi, per ottenere una miscela omogenea. In un secondo tegame, scaldare l’olio d’oliva e la vitamina E, poi unite il contenuto di entrambe le pentole e mescolate;

3. Una volta che tutti gli oli sono completamente mescolati e la temperatura è a 100 ° C, spegnete il fuoco e aggiungete lentamente l’acqua basica continuando a mescolare. Quando il composto sarà completamente miscelato, utilizzate la frusta per mescolare velocemente. In pochi minuti, la soluzione inizierà ad addensarsi e diventerà più opaca;

4. Siamo arrivati alla fase cruciale del processo, conosciuta come “La Traccia“. Questa avviene quando gli oli e l’acqua si sono completamente miscelati insieme. Per sapere se avete raggiunto questo punto, immergete la frusta nel composto e lasciatela gocciolare dentro la pentola. Se lascia dietro di sé una “traccia”, la soluzione è emulsionata. In caso contrario, continuate a mescolare con la frusta ancora un po’;

5. Ora è il momento di aggiungere profumi e oli essenziali, se lo desiderate. Mescolate un’ultima volta e versate il composto negli stampi per farlo raffreddare;

6. Quando i blocchi di sapone saranno quasi del tutto raffreddati, potete aggiungere elementi decorativi, come petali di fiori, conchiglie, o semi di canapa;

7. Il sapone avrà bisogno di un paio di giorni per assestarsi completamente, tuttavia si consiglia di attendere un paio di settimane prima di utilizzarlo, per essere sicuri che non siano più presenti eventuali tracce di soda. A questo punto potete confezionare il vostro sapone, ricordandovi di utilizzare carta oleata o pellicola trasparente, in quanto il sapone unge e rovina la carta normale.

Conclusioni

Ora potete cominciare a realizzare il vostro sapone personalizzato. Il procedimento richiede tempo e pazienza, ma siamo certi che il risultato non vi deluderà. E naturalmente, anche la vostra pelle vi ringrazierà!

Nel frattempo vi aspettiamo nel nostro store, dove troverete prodotti di alta qualità e offerte imperdibili. Che aspettate? Cliccate qui!

[class^="wpforms-"]
[class^="wpforms-"]