Cannabidiolo Dieta

Stai cercando di incorporare il cannabidiolo nella tua dieta? Non sei solo. Che sia per alleviare sintomi specifici o semplicemente per migliorare la salute e il benessere generale, le persone di tutto il mondo stanno cercando di includere il cannabidiolo e altri cannabinoidi nella loro dieta quotidiana.

Continua a leggere per uno sguardo dettagliato su come una dieta a base di cannabidiolo potrebbe aiutarti a vivere una vita più sana e felice.

Perché includere il cannabidiolo nella dieta?

I cannabinoidi hanno preso la ribalta nel mondo della salute e del benessere. Tutti, dagli atleti ai genitori casalinghi, guardano ai cannabinoidi per condurre uno stile di vita più sano.

Infatti, alcune ricerche suggeriscono addirittura che la carenza clinica di endocannabinoidi (o CECD) potrebbe essere la causa di tutto, dall’emicrania alla sindrome dell’intestino irritabile, dal dolore cronico alla depressione.

Per molti, questo è sufficiente per giustificare la ricerca di modi naturali per incorporare il CBD e altri cannabinoidi nella loro dieta.

Quali alimenti possono stimolare naturalmente l’attività dei cannabinoidi?

Il modo più ovvio per incorporare più cannabinoidi nella tua dieta è consumare cannabis. Tuttavia, puoi anche stimolare il sistema endocannabinoide (la rete naturale del corpo di recettori di cannabinoidi ed endocannabinoidi) mangiando più dei seguenti alimenti:

Semi di canapa, chia e lino Gli studi suggeriscono che gli acidi grassi omega (specialmente gli omega 3 e 6) possono aiutare a stimolare l’attività degli endocannabinoidi.
Oggetti, sardine, acciughe e noci Tutti questi sono pieni di acidi grassi essenziali.
Cioccolato È stato dimostrato che la polvere di cacao contiene tre tipi di N-acylethanolamines, acidi grassi che possono imitare l’anandamide (un endocannabinoide prodotto naturalmente nel corpo) e attivare i recettori dei cannabinoidi o aumentare naturalmente i livelli di anandamide.
Infusioni, tè ed erbe Molte spezie, tè ed erbe contengono terpeni come (beta-cariofillene, pinene, limonene, linalolo e altri) che possono stimolare il sistema endocannabinoide.

Gli studi hanno anche dimostrato che l’alcool può danneggiare il sistema endocannabinoide, quindi stai lontano dall’alcool se sei interessato ad aumentare i tuoi livelli di cannabinoidi.

Se stai cercando di raccogliere i benefici della nutrizione a base di cannabidiolo, assicurati di prendere il tempo necessario per valutare le tue attuali abitudini alimentari e assicurati di consumare molta frutta, verdura, proteine sane e cereali.

Quando introduci un nuovo integratore nella tua dieta, è importante farlo gradualmente.

Il cannabidiolo, in particolare, è un composto unico che colpisce tutti in modo un po’ diverso, e spesso le persone devono sperimentare diverse dosi per trovare il “punto dolce” in cui sperimentano un sollievo/risultati ottimali.

Se non hai mai usato il CBD prima d’ora, ma sei interessato a provarlo come integratore di salute generale, ti consigliamo di iniziare con una bassa dose di un olio di cannabidiolo di media potenza, come il nostro olio di cannabidiolo al 5% o 10%.

Il cannabidiolo non è tossico e generalmente ben tollerato, quindi puoi essenzialmente prenderne quanto ne vuoi, ma non c’è motivo di esagerare.

Se volete fare del cannabidiolo un punto fermo della vostra dieta, non dovete affidarvi a prodotti già pronti come tinture, commestibili e prodotti topici.

Molte persone usano fiori o oli ricchi di cannabidiolo per infondere i loro piatti preferiti.

Il cannabidiolo sta cominciando a farsi strada in una grande varietà di prodotti. Una delle ultime tendenze nell’industria alimentare salutistica sono le vitamine al cannabidiolo e gli integratori alimentari arricchiti.

L’olio di semi di canapa al Cannabidiolo

Se non lo hai mai preso , Tieni l’olio in bocca (preferibilmente sotto la lingua) per circa 60 secondi per un assorbimento più rapido.

 

(disponibile in molte concentrazioni di CBD), per esempio, prende tutti i benefici dell’olio di semi di canapa e li combina con i benefici del cannabidiolo.

Il risultato è un potente integratore ricco di acido linoleico e oleico (alleati vitali nella promozione della salute della pelle), acidi grassi omega 3 e 6, acido gamma-linolenico (importante per la pelle e la salute delle donne), e, naturalmente, Cannabidiolo.

L’olio di cannabidiolo è tipicamente assunto per via sublinguale, dove viene assorbito attraverso le membrane mucose che rivestono l’interno della bocca.

Il cannabidiolo presente nei prodotti commestibili fatti in casa o acquistati in negozio, invece, viene assorbito nel tratto digestivo.
Sia la somministrazione sublinguale che l’ingestione di cannabidiolo sono modi efficaci per sfruttare i benefici unici di questo composto. Tuttavia, le diverse vie di somministrazione fanno sì che i nostri corpi assorbano il CBD in modo leggermente diverso, e possono essere più adatti a situazioni diverse.

Quando viene assunto per via sublinguale, il cannabidiolo entra nel flusso sanguigno e inizia ad agire sui recettori di tutto il corpo entro 15-20 minuti.

Il cannabidiolo ingerito, invece, può richiedere da 30 minuti a 1 ora per avere effetto, ma offre un rilascio più lento e graduale del cannabidiolo nel flusso sanguigno.

Come dosare il Cannabidiolo nelle Ricette in cucina ?

Dosare il Cannabidiolo nelle vostre ricette può essere difficile, ed è per questo che vi suggeriamo di semplificarlo il più possibile.

Il modo migliore per farlo è calcolare quante porzioni di cibo stai preparando e poi infondere la tua dose standard in ogni porzione.

Se, per esempio, state preparando 4 porzioni di zuppa, e di solito prendete 10 gocce di olio di cannabidiolo al giorno, usate un totale di 40 gocce di cannabidiolo nella vostra ricetta.

Se non hai mai preso il cannabidiolo prima d’ora, ti suggeriamo di provare un olio di CBD di media potenza per almeno una settimana per familiarizzarti con il composto e come influisce sul tuo corpo.

Poi, una volta che hai trovato una dose che funziona per te, prendi quella stessa dose e usala nella tua cucina.

Se ti sembra che quella dose non funzioni, aumentala gradualmente fino ad ottenere gli effetti che cerchi.

Cucinare con l’olio di Canapa al Cannabidiolo

Cucinare con l’olio di cannabidiolo è il modo migliore per iniziare il vostro viaggio nell’uso del cannabidiolo in cucina. Il processo è semplice:

  1. Misura la tua dose.
  2. Prepara il tuo cibo come da tua ricetta.
  3. Aggiungi il tuo olio di cannabidiolo quando lo ritieni opportuno. Tuttavia, come dettagliato sopra, cercate di evitare di portare il vostro olio di CBD a diretto contatto con il calore elevato. Quindi, se volete fare un sugo per la pasta al cannabidiolo o una frittura, per esempio, fareste meglio ad aggiungere l’olio di cannabidiolo alla fine.

Cucinare con i fiori di cannabidiolo

Cucinare con i fiori di cannabidiolo vi dà molto più controllo sulla vostra ricetta ed è molto più economico che aggiungere ogni volta l’olio di cannabidiolo comprato in negozio. Tuttavia, è molto più pratico, e può sembrare un po’ opprimente per i cuochi inesperti di erba.

Ecco come cucinare con i fiori di cannabis al cannabidiolo:

  1. Determinare il quantità di fiore di cui avete bisogno.
  2. Tritate il vostro fiore e distribuitelo uniformemente su una teglia foderata. Decarbossilare a 110-120°C per 30-40 minuti o fino a quando è fragrante. Mescolate regolarmente per assicurarvi che i boccioli si decarburino uniformemente e non si brucino.
  3. Calda il tuo fiore decaricato nella quantità di olio o burro necessaria per la tua ricetta. Lasciate sobbollire la miscela a fuoco basso per 3 ore per estrarre il maggior numero possibile di cannabinoidi e altri composti attivi dai bud.
  4. Trascinare l’olio o il burro per rimuovere eventuali pezzi di pianta, lasciare raffreddare e utilizzare come richiesto nella vostra ricetta.

Nota Bene : Se cucinate regolarmente con il cannabidiolo, considerate la possibilità di fare grandi lotti di olio o burro di cannabidiolo per risparmiare tempo.

Alcuni Consigli prima di cimentarvi in cucina

  • I cannabinoidi, i terpeni e i flavonoidi che danno alla cannabis i suoi aromi, sapori ed effetti unici sono tutti composti molto fragili. Se esposti a temperature elevate, superiori ai 120°C circa, questi composti iniziano a rompersi e ad evaporare nell’aria. Quando si preparano prodotti commestibili a base di CBD , vogliamo ovviamente preservare il maggior numero possibile di questi composti, quindi assicuratevi di evitare di esporre il vostro cannabidiolo (sia sotto forma di fiore che di olio acquistato in negozio) a temperature eccessive.
  • Preparare l’olio e il burro di cannabis richiede un po’ di pazienza, poiché gli ingredienti devono essere infusi a temperature relativamente basse per diverse ore. Idealmente, cuocete la vostra miscela di cannabidiolo e olio/grasso a fuoco basso per circa 3 ore per un’estrazione decente.
  • Dopo che il materiale vegetale grezzo è stato infuso in una base di olio o burro, dovrà essere filtrato con un filtro fine, come ad esempio una stamigna. Questo processo richiede pazienza mentre la soluzione infusa gocciola lentamente ma inesorabilmente nel contenitore sottostante. Cercate di resistere alla tentazione di spremere la stamigna per accelerare il processo; anche se la vostra pazienza può essere sottile, molto probabilmente spingerete materiale vegetale nella soluzione se lo fate.

Carrello